“Nessun aumento sulla pubblicità, le tariffe sono state ridefinite per aree”

CIVITANOVA - Il vice sindaco Silenzi replica al centrodestra: "La Tari per una famiglia media è addirittura diminuita del 15%" poi punta l'indice contro quelli che considera "portatori della macchina del fango"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il vicesindaco e assessore al bilancio Giulio Silenzi

Il vicesindaco e assessore al Bilancio Giulio Silenzi

“I portatori della ‘macchina del fango’ come Ciarapica disinformato: prima le vele in città in cui si dice che abbiamo aumentato la Tari, la Tasi e in cui si dà l’idea degli aumenti, ora poi parlano della tariffa sulla pubblicità già discussa in consiglio comunale”.

L’assessore al Bilancio Giulio Silenzi replica alle accuse della federazione del centrodestra che ieri (leggi l’articolo) aveva parlato di un aumento della tariffa del 150% per la pubblicità.

“In realtà la tariffa non è aumentata affatto – dice Silenzi – abbiamo però redistribuito le aree perché è assurdo che un’attività nella zona commerciale paghi come un’area depressa. Il consiglio comunale ha modificato sulla base di un criterio di equità per zona: ad esempio a ridosso dei centri commerciali ora si paga in fascia A perchè più visibile. Civitanova alta invece passa in fascia B. Poi il gettito maggiore nelle casse è dovuto al fatto che evidentemente in questa nuova zonizzazione ci sono più attività. La zonizzazione porta alle casse comunali 300mila euro in più ma chi doveva pagare paga il dovuto. Ricordo che sulla cultura le spese dal 2011 al 2013 sono diminuite del 15%, pari a 241 mila euro in meno”. Sul bilancio e sui costi dei rifiuti Silenzi aggiunge: “Addirittura la Tari per una famiglia media è in diminuzione del 15%, un effetto dovuto non solo alla percentuale che andava allo stato ma ad una riduzione del 4% che costa al comune 300mila euro”.

(l. b.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X