Tolentino umiliato a Porto D’Ascoli
Clementi: “Chiediamo scusa ai tifosi”

ECCELLENZA - I cremisi subiscono un pesante 4-1 in casa dei piceni. La delusione del mister: "Prestazione imbarazzante"
- caricamento letture
Porto D'Ascoli e Tolentino schierate in campo

Porto D’Ascoli e Tolentino schierate in campo

di Marco Cencioni

Il Tolentino cade clamorosamente al “Ciarrocchi” contro il Porto D’Ascoli. Il punteggio finale, 4 a 1 per i padroni di casa, è sicuramente eccessivo per quanto visto in campo, ma i rivieraschi hanno meritato di vincere. Organizzazione difensiva impeccabile, centrocampo fisico e di esperienza, attacco veloce e mortifero nelle ripartenze, il tutto condito da grinta e spirito di sacrificio: questi gli ingredienti messi in campo dai ragazzi di Filippini, che portano a casa i primi tre punti della loro storia nel massimo campionato regionale. I crèmisi ci mettono cuore ed impegno, ma sono ancora troppo legati, incapaci di mettere brillantezza nella loro manovra ragionata. Diventano così prevedibili, quindi poco pericolosi, ed evidenziano i limiti di una retroguardia poco attenta quanto troppo spesso perforabile. Fanno la partita, dimostrando che il cambio di modulo (dal 3-5-2 al 4-3-3) non influisce sul pensiero tattico. Girano il pallone con qualità ma non riescono a creare opportunità con continuità. Vengono puniti alla prima occasione e prendono tre gol su altrettante disattenzioni di una difesa messa sotto scacco da un Petrucci incontenibile per la catena di sinistra. “Dobbiamo prima di tutto chiedere scusa ai nostri tifosi per questa prestazione imbarazzante – ha detto Aldo Clementi a fine gara – Ci guarderemo allo specchio e con molta calma faremo un esame di coscienza, pronti a ripartire subito”.

CRONACA – Il Tolentino parte bene. Cinotti ci prova con il destro da fuori, palla alta di un nulla. I crèmisi manovrano e gli ospiti agiscono solo di rimessa. Si arriva a tre minuti dall’intervallo con gli ospiti capaci di concludere altre due volte (Pandolfi all’ottavo trova la deviazione di un difensore, Cinotti al 37mo in rovesciata lambisce il palo) e i locali pericolosi solo grazie a due tiri dalla distanza dell’under Candellori. L’ultima azione del tempo porta il rilancio di Virgili a pescare Di Simplicio in velocità sulla sinistra. L’attaccante punta Menchi in area, rientra sul destro, il difensore lo atterra e De Luca di Pesaro sanziona il fallo con il penalty. Dal dischetto Biancucci porta in vantaggio i suoi. Finisce la prima frazione con un sinistro a giro di Petrucci sventato con i pugni da Carnevali. La ripresa si apre con il botto. Il Tolentino pareggia dopo sessanta secondi grazie ad un cross di Cinotti deviato da Cafini nella propria porta. Due minuti dopo, però, Petrucci inizia il suo show. Salta tutti sulla destra e tira con il sinistro, Carnevali respinge il tiro non irresistibile, arriva Candellori con il destro trovando il tap in sporco, ma quanto mai efficace. Ancora Petrucci al 51mo fugge sulla destra. Il suo tentativo mancino finisce sui piedi di Di Simplicio che si gira e realizza il 3 a 1. Da qui in poi il Porto D’Ascoli retrocede a protezione dell’area di rigore. Il Tolentino ci prova con orgoglio ma non riesce a trovare lo spazio per rendersi pericoloso. Anzi rischia di prendere il quarto gol, ma Di Simplicio in contropiede grazia Carnevali. Il poker lo servirà comunque il neo entrato De Marco, a tre dal novantesimo.

il tabellino:

PORTO D’ASCOLI (4-3-3): Piunti 6; Cafini 6.5, Ciotti 6.5, Sensi 6.5, Virgili 6; Angelini 6, Oresti 6.5 (38’s.t. Tarli s.v.), Biancucci 6.5; Petrucci 8 (44’s.t. Grossetti s.v.), Candellori 7, Di Simplicio 7 (29’s.t. De Marco 7). A disp.: Capriotti, Tommasi, Schiavi, Giorgi. All.: Filippini 7.
TOLENTINO (4-3-3): Carnevali 5; Palazzetti 5.5, Menchi 5, Nicolosi 5, Ruggeri 5; Frinconi 5.5 (11’s.t. Nardini 5.5), Minopoli 6.5, Morganti 5.5 (23’s.t. Ripa s.v.); Cinotti 6, Pandolfi 5, Gobbi 5.5 (11’s.t. Canuti 5.5). A disp.: Giachetta, Falconi, Mercuri, Romagnoli. All.: Clementi 5.
ARBITRO: Manuel de Luca di Pesaro 6 (Pintaudi – Bregoli)
RETI: 43’p.t. Biancucci (rig.), 1’s.t. aut. Cafini, 3’s.t. Candellori, 6’s.t. Di Simplicio, 42’s.t. De Marco.
NOTE: Spettatori 200 circa. Ammoniti: Sensi, Ruggeri, Menchi, Morganti, Cinotti. Angoli 3 – 4. Recupero: 4’ (0’+4’).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X