Gesto d’amore in ospedale,
donazione multiorgano di un 72enne

MACERATA - Umberto Barchiesi, presidente della bocciofila XXIV Maggio, si era spento dopo una emorragia cerebrale. Prelevati reni, cornee e fegato
- caricamento letture

chirurghi

 

di Gianluca Ginella

Muore dopo una emorragia cerebrale: i familiari donano gli organi. Uno splendido esempio di generosità e altruismo avvenuto all’ospedale di Macerata. Dove mercoledì scorso arriva in condizioni disperate un maceratese di 72 anni, Umberto Barchiesi, presidente della bocciofila XXIV Maggio (leggi l’articolo). Ha una emorragia e per l’uomo c’è poco da fare. I medici tentano il possibile. Ma sabato mattina, dopo sei ore di monitoraggio, viene dichiarata la morte cerebrale di Barchiesi. A quel punto i medici parlano con la moglie e i figli che consentono ad una donazione multiorgano. Alle 3 del mattino di sabato l’equipe del Centro trapianti di Ancona entra in sala operatoria. I chirurghi, insieme agli operatori della Rianimazione, del Blocco operatorio e delle unità operative e di servizi conducono una delicata operazione di prelievo di organi e dopo cinque ore il fegato del 72enne viene mandato a Milano, mentre le cornee vengono spedite alla Banca degli occhi di Fabriano e i reni ad Ancona. I funerali di Barchiesi si sono svolti questa mattina, nella chiesa dell’Immacolata.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X