Ragazzo di colore ha un infarto in strada,
i passanti non lo soccorrono

PORTO RECANATI - E' successo questa mattina, il giovane, 28 anni, è stato portato a Torrette di Ancona con l'eliambulanza
- caricamento letture

croce_azzurradi Alessandro Trevisani

Giovane di colore si accascia in mezzo alla strada, un testimone: “i passanti gli camminavano vicino senza soccorrerlo”. E’ successo a Porto Recanati questa mattina. Un uomo di 28 anni si è sentito male in via Mazzini, intorno alle 11, vittima di un infarto. È intervenuto sul posto per prestargli le cure un mezzo della Croce Azzurra di Porto Recanati, ma decisivo è stato il soccorso di una vettura medicalizzata della Croce Gialla di Recanati. Secondo un testimone, un operatore che ha gestito l’emergenza, i soccorritori hanno notato che c’era molta gente in giro intorno al ragazzo, ma nessuno si fermava a constatare le sue condizioni. “Le persone seguitavano a camminare tranquillamente intente nelle loro faccende, chissà, forse trattandosi di un ragazzo di colore, a molti, in base a un radicato pregiudizio, è venuto in mente che potesse trattarsi di una situazione di banale ubriachezza, o che non fosse il caso di impicciarsi. Invece si trattava di un infarto massivo, un codice rosso che richiede la massima tempestività” racconta il testimone, che preferisce rimanere anonimo. A chiamare il 118 è stato un amico della vittima sopraggiunto in un secondo momento, che avrebbe chiamato aiuto gridando, ma restando inascoltato dai passanti. Attoniti i soccorritori davanti all’indifferenza, o magari alla semplice fretta degli astanti, che, trovandosi a passare nel tratto di strada che separa il supermercato Zippilli dal lungomare, avranno probabilmente pensato a qualche cosa di meno grave. Per il giovane è stato necessario il trasporto all’ospedale di Torrette di Ancona con l’eliambulanza.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X