Nasce un impianto di rifiuti a Tergi
I cittadini si mobilitano

POTENZA PICENA - Stasera alle 21.15 l'attesa assemblea nei locali dell’oratorio di Porto Potenza organizzato dall’associazione Città Prestata
- caricamento letture
La discarica per rifiuti speciali di Potenza Picena

La discarica per rifiuti speciali di Potenza Picena

di Laura Boccanera

Ha suscitato un vespaio di polemiche e preoccupazioni la notizia dell’installazione e realizzazione di un impianto di recupero di rifiuti speciali inerti in contrada Tergi a Porto Potenza. A realizzarlo la Psp srl. L’area ricade in una zona classificata come agricola e per la quale si è richiesta la variazione di destinazione d’uso. Per discutere dell’impianto e delle perplessità mosse da un gruppo di associazioni (tra cui Città Futura) stasera alle ore 21.15 nei locali dell’oratorio di Porto Potenza, si terrà l’incontro con i cittadini dal titolo: “Nuovo impianto di recupero rifiuti speciali non pericolosi parliamone”, organizzato dall’associazione Città Prestata.

Al momento sono in corso le valutazioni tecniche di impatto ambientale. Parteciperanno i responsabili della ditta Psp proponente l’impianto che invece nel corso del precedente incontro con la cittadinanza hanno offerto garanzie sulla sicurezza dell’impianto, sottolineando come non si tratti in alcun caso di una discarica, ma di uno stabilimento in grado di “polverizzare” i rifiuti inerti derivanti da scarti edili senza immettere polveri nell’ambiente grazie a nebulizzatori. Tra gli invitati anche l’ambientologo Leonardo Marotta per il “Comitato per la tutela della salute e dell’ambiente di Potenza Picena”, formato da cittadini potentini a seguito della presentazione del progetto. La Sovrintendenza infatti non ha posto il vincolo paesaggistico essendo quell’area insistente in una conca. Invitati anche gli esponenti comunali di maggioranza ed opposizione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X