Una stalla abbandonata vicino alle case

TREIA - Da alcuni anni una decina di buoi sono nel più completo abbandono creando malumori trai residenti di via Dante Alighieri
- caricamento letture
Allevamento abbandonato a Treia

Gli animali nel più completo abbandono

di Sara Santacchi

«Un allevamento di bovini a cielo aperto, lasciati allo stato brado nella più totale mancanza delle minime norme igieniche. Uno scenario che desta incredulità, ma che esiste ormai da alcuni anni in pieno centro abitato a Treia, in via Dante Alighieri, vicino all’istituto Dolores Prato». A denunciarlo è la lista civica Futuro nel cuore di Treia che scrive: « Sono circa una decina i buoi tenuti costantemente all’aperto, recintati senza le dovute garanzie di sicurezza, abbeverati e nutriti dalla strada, che vivono in mezzo a sporcizia e i propri escrementi che attirano mosche e zanzare. Una situazione alla quale si stenta a credere, ma con la quale sono costrette a convivere le famiglie residenti nelle vicinanze, con tutto ciò che ne consegue. Oltre a produrre un odore poco gradevole, infatti, peggiorato anche dal periodo estivo, vengono completamente a mancare le norme igieniche. Un’attività questa sulla quale sono inevitabili dubbi in relazione alla regolarità sia dal punto di vista della sicurezza pubblica che da quello igienico–sanitario. Il tutto risulta ancor più inspiegabile in virtù dell’ordinanza firmata di recente dal sindaco Franco Capponi in materia di “Disposizioni generali per la manutenzione del verde privato” che stabilisce sanzioni a carico dei proprietari che “nell’ambito del territorio comunale tralasciano i necessari interventi di manutenzione e pulizia con la conseguente crescita incontrollata di erba incolta, siepi e rami che si protendono anche oltre il ciglio stradale”. Si legge nel provvedimento che questa trascuratezza, oltre a sminuire il decoro della città e delle aree private vicine, favorisce la propagazione di vegetazione infestante, la proliferazione di animali pericolosi per la salute pubblica e, in particolare, di topi e rettili oltre che di insetti nocivi o fastidiosi come zanzare e mosche che facilmente completano il loro ciclo vitale nei luoghi trascurati con accumuli di materiale vegetale. Nella stessa ordinanza si afferma che queste “situazioni, soprattutto quando si verificano nel centro urbano, producono altresì un danno all’immagine del territorio in contrasto con la vocazione turistica e con l’amenità ambientale dei luoghi, oltre che una situazione di potenziale pericolo per la salute ed il benessere dei cittadini. Una stalla a cielo aperto nei pressi del centro storico non è certamente meno dannosa all’immagine di Treia nè meno pericolosa per la salute e il benessere dei cittadini».

Allevamento Treia abbandonato (4)

Allevamento Treia abandonato (2)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X