Truffa dello specchietto,
denunciato un 40enne

CASTELRAIMONDO - Un anziano non è caduto nella trappola ed ha avvertito i carabinieri
- caricamento letture

truffa-specchietto

di Sara Santacchi

Fingeva di aver subìto un danno alla propria auto per  intascare soldi facili D.G.G., quarantenne residente a Noto, che ieri ha tentato di truffare con la stessa scusa un 80enne a Castelraimondo. Scoperto è stato denunciato dai carabinieri di Camerino.

La “truffa dello specchietto” era ormai un’abitudine per D.G.G., siciliano quarantenne che ieri a Castelraimondo ha provato a inscenare la stessa dinamica messa in atto più volte, per guadagnare soldi facili. Così, ha preso di mira un pensionato alla guida della sua auto in una stretta via del centro di Castelraimondo. Lo ha raggiunto tenendo in mano lo specchietto retrovisore della sua Fiat 16 e ha accusato l’80enne di averlo rotto. Per sistemare il danno subìto gli ha poi chiesto 100 euro. L’arzillo anziano, però, non ha ceduto alla richiesta nè creduto alle parole dell’uomo che gli chiedeva denaro per essere risarcito e ha chiamato il 112  e la polizia locale. I carabinieri della locale stazione hanno subito rintracciato l’uomo a bordo della Fiat 16 vicino Corso Italia e lì hanno proceduto al suo controllo. Perquisito, è stato trovato in possesso del bullone utilizzato per simulare l’impatto e uno specchietto retrovisore rotto che mostrava alle vittime per convincerle a risarcire il danno. Un meccanismo semplice, quello messo in atto dal 40enne, ripetuto più volte: l’uomo colpiva il veicolo con il bullone provocando un forte rumore così da obbligare il conducente dell’atra auto a rallentare o fermarsi. E’ a quel punto che D.G.G si presentava mostrando lo specchietto rotto e offrendo una rapida soluzione, chiedendo dei soldi per risolvere il tutto velocemente.
E’ così scattata la denuncia per truffa aggravata e danneggiamento. Al 40enne è stato vietato di avvicinarsi a Castelraimondo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X