Vigili del fuoco in azione al Palazzo del Mutilato per ripristinare l’alzabandiera

MACERATA - Per raggiungere i 40 metri da terra necessarie la scala dell'unità mobile e un'asta. Giovedì pomeriggio la cerimonia per l'inaugurazione dopo i lavori di restauro della facciata
- caricamento letture
I vigili del fuoco in azione al palazzo del mutilato

I vigili del fuoco in azione al palazzo del mutilato

 

di Claudio Ricci

Operazione spettacolare dei vigili del fuoco stamattina al Palazzo del Mutilato di Macerata. In vista dell’inaugurazione prevista per dopodomani,  dopo i lunghi lavori di restauro che hanno interessato la facciata del palazzo, i pompieri hanno dovuto raggiungere il tetto tramite la scala estendibile dell’unità mobile di servizio, per ripristinare il funzionamento del vecchio meccanismo di alzabandiera, inutilizzato ormai da anni. Un’azione vertiginosa, data l’altezza complessiva di 40 metri, tra altezza dello stabile (24m) e lunghezza dell’asta (14m), da raggiungere. Purtroppo la scala non supera  i 31 metri da terra e  i vigili hanno dovuto escogitare un sistema ingegnoso, per agganciare il cavo, a cui sarà attaccata la bandiera, all’estremità. Con un’ asta di 9 metri  i pompieri hanno così raggiunto (al primo colpo, in base alle testimonianze degli uomini che hanno partecipato all’operazione), il vertice del palo per assicurarvi  il conduttore del tricolore.  Una bandiera, che a quanto pare sarà la più grande di Macerata e svetterà da uno dei punti  più alti della città. La cerimonia dell’alzabandiera è prevista durante il buffet, che si terrà sul terrazzo all’ultimo piano dello stabile, proprio in occasione dell’inaugurazione di giovedì.

Il palazzo fu edificato in epoca fascista e lo stesso Duce vi fece visita al momento dell’inaugurazione il 28 ottobre del 1936 (GUARDA IL VIDEO)

(foto di Guido Picchio)

 

 

vf palazzo mutilato 1

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X