Maceratese, per la prossima stagione cominciano a schiarirsi le idee

Si va verso la conferma di buona parte dell'attuale organico e l'acquisto di quattro o cinque pedine di spessore. Nel frattempo, è tempo di pensare alla sfida di Termoli
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Enrico Maria Scattolini

Enrico Maria Scattolini

di Enrico Maria Scattolini

LA VENDETTA(+). Dopo tanti anni, la strepitosa Lube è riuscita a riscattare l’onore dello sport maceratese conquistando, ieri pomeriggio, lo scudetto a Perugia e finalmente cancellando il mai sopito (brutto) ricordo di tanti anni fa dalla memoria dei calciofili biancorossi. Quando i “grifoni” di Mazzetti soffiarono la promozione in serie B alla squadra di Giammarinaro. Ed anche di Turchetto e Dugini, che però si consolarono in fretta trasferendosi all’allora “Santa Giuliana” nel campionato successivo. Non sono state ancora dimenticate neanche le conseguenti polemiche. Con tracce di querele.

TRIONFO DELLO SPORT BIANCOROSSO (+), perché anche la Maceratese domenica scorsa ci ha messo del suo, conquistando i play-off. Nel rispetto dei propri limiti, realisticamente non confrontabili con l’eco del successo dei campioni di volley.

CON LA NON TRASCURABILE DIFFERENZA, però, che la società della dottoressa Tardella resterà nel futuro una realtà dell’attività cittadina (+++), al contrario della Lube che dovrebbe emigrare in riva all’Adriatico. Con tutti i suoi prestigiosi allori, ma fors’anche con qualche problema di adattamento…psicologico alla nuova situazione da parte dei suoi sostenitori “pistacoppi doc”.

Maria Francesca Tardella, presidentessa della Maceratese

Maria Francesca Tardella, presidentessa della Maceratese

REALTA’ ORGOGLIOSAMENTE RIVENDICATA, nei giorni scorsi, da Mariella nostra (+). Che sicuramente farà di tutto per migliorarne l’implementazione.

PERFINO LA BARISTA. Sì, avete letto bene.La barista. E’accaduto nello scorso fine settimana all’Helvia Recina, in occasione di una manifestazione atletica giovanile svoltasi allo stadio, in coincidenza con l’inizio della (sospirata) sovrintendenza diretta del bar da parte del club biancorosso (+).

IN CARENZA DI PERSONALE DISPONIBILE, la Presidentessa, aiutata dal suo cerchio magico, non ha esitato (+) a servire caffè, bevande ed a confezionare panini per dare ufficialità al nuovo business societario.

NON HO CONOSCENZA se è stata lei stessa a gestire la cassa, perché lontano a Isernia. Ma so che l’incasso è stato interessante e ha costituito motivo di soddisfazione presidenziale. Soprattutto in previsione dei flussi d’entrata futuri. La cui verifica è rinviata al prossimo campionato, perché……

…. I PLAY OFF SONO LONTANI DA MACERATA (-) La semifinale, infatti, si giocherà fra sette giorni a Termoli; l’eventuale finale il mercoledì successivo a Matelica. Che ieri ha cancellato ogni dubbio sulla conquista della piazza d’onore, alle spalle dell’Ancona, demolendo in un batter d’occhio la timida opposizione del Sulmona.

E COSI’ VIA SINO ALLA CONCLUSIONE, della quale la Maceratese intende essere protagonista (+) . “Io voglio arrivare sino in fondo – proclama la dottoressa Tardella – Perché a me piace vincere, sia per completare la stagione, sia per sfruttare eventuali opportunità.”

Yassine Belkaid

Yassine Belkaid

CHE POTREBBERO ESSERCI (+), nonostante lo scetticismo generale. Dal momento che, partendo dall’alto, la Nocerina è stata espulsa e in difficoltà sono il Bari, la Reggina e lo stesso Siena. Ciò significa l’aumento – almeno di un’unità – dei posti a disposizione per i ripescaggi alla ex Prima Divisione. Cui concorreranno, in alternativa, le squadre retrocesse dalla seconda e le migliori classificate nell’over season del Campionato Nazionale Dilettanti.

VELLEITA’ che poi dovranno naturalmente fare i conti con le garanzie e il cash richiesti. Particolarmente pesanti per le formazioni recuperate (-). Ma queste sono plebee considerazioni che travalicano l’orgoglio. E che magari sollecitano ancor fresche e fastidiose reminiscenze…

UN PASSO ALLA VOLTA, ma con in mezzo un’assoluta certezza (+). Importante!

CAMPIONATO 2014-2015 AL TOP (+). Accordo concluso con un allenatore di grido. Il nome, che conosco, lo scriverò al momento opportuno. Cioè dopo i play-off. Idem per il direttore sportivo: però, in questo caso, soluzione interna, sul versante…aggregato. Conferma per una buona parte dell’attuale organico ed acquisto di quattro/cinque giocatori molto forti. Infine campo aperto, in tutti i sensi, ai giovani del vivaio.

UN’ALTRA NEW ENTRY AD ISERNIA, fra gli under (+). Il diciassettenne Zekiri Isni: attaccante tascabile nato in Albania, da dieci anni in Italia, primi approcci calcistici con la Robur e poi la progressiva maturazione fra gli allievi di Collevario. Pochi minuti d’impegno sulla fascia mancina, un pallone da calciare alle spalle del portiere molisano, invece generosamente servito ad un collega. “Per la verità – confessa il ragazzino – la tentazione di tirare ce l’ho avuta. Poi però ho preferito appoggiare”. Ma vedrete che, col crescere, diventerà sicuramente più egoista.

TERMOLI A RISCHIO per la tifoseria biancorossa (-)? Potrebbe accadere per: (a) la maggiore severità dell’ Osservatorio dopo la bomba carta di Giulianova; (b) l’inevitabile (solito) giro di vite all’indomani degli accadimenti della finale di Coppa Italia di sabato scorso; (c) i precedenti, non propriamente amicali, fra le tifoserie biancorosse e molisane nell’incontro di andata. Anche se, nella circostanza, fu la seconda ad aggredire la prima.

LONTANO DALL’HELVIA RECINA E PER DI PIU’ SENZA SUPPORTERS sarebbe una vera jattura. Ed un ulteriore danno (-) per la Maceratese, costretta ad affrontare un Termoli domestico e riposato per l’ultimo successo a tavolino contro il Bojano.

ANCHE SE DI FABIO (+), ad Isernia, ha saggiamente optato per le seconde linee biancorosse, lasciando a casa tutti i giocatori “diffidati”.

Guido Di Fabio

Guido Di Fabio

BELKAID FRA LE RISERVE. Ma, a questo punto, lo si può ancora definire tale? E’ stato bravissimo, il migliore in campo. Ancora una volta, dopo l’esplosione di Agnone (+). Non facile, quindi, la decisione di Di Fabio sul ruolo da attribuirgli domenica. Io non avrei dubbi, coniugando l’infuocato habitat di Termoli con la muscolarità e lo spirito agonistico di Belkaid. Servono uomini di battaglia per una battaglia.

CHE LA MACERATESE DEVE VINCERE, al limite entro i tempi supplementari, per non finire lì il campionato, risultando migliore la classifica dei molisani allo scadere della stagione regolare (-). Per poi eventualmente affrontare la finale dopo l’intervallo di un amen. Con l’anfitrione Matelica riossigenato da una domenica santificata col riposo.

PREMIATI GLI EROI BIANCOROSSI DEL “MARIO LANCELLOTTA” DI ISERNIA (+). Una ventina di tifosi, con oltre seicento chilometri di viaggio pro-capite. Per una partita priva di significato, se non quello del cuore. I più solleciti Fabio Cammertoni e Gianfranco Cossali, arrivati allo stadio due ore prima dell’inizio della gara, per… evitare il rischio di non trovare posto. O forse per digerire la prelibata gastronomia locale. Il team-manager Roberto Sentimenti ha giustamente deciso di premiarli autorizzando i suoi giocatori a consegnar loro le maglie della partita. Poco sudate, per la relativa fatica dell’incontro ed il gelido vento che l’ha accompagnato.

STREPITOSO AMAOLO (+++). Con la sua splendida Recanatese degli ultimi tempi ha sicuramente realizzato la performance del torneo. Da una problematica situazione di graduatoria al suo arrivo fra i giallorossi, al raggiungimento dei play-off virtuali. Incredibile!!! Il pesante differenziale di punti con il Matelica li ha però cancellati dal programma. Peccato per la Recanatese, ma anche per la Maceratese (o il Termoli) dal momento che il terzo derby marchigiano fra le due formazioni sarebbe stato sicuramente un duro test per la squadra di Carucci, che invece si avvantaggerà degli ozii del week end.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Donazioni
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X