Matelica, per difendere la piazza d’onore
è fondamentale superare l’ostico Celano

SERIE D - Mister Carucci dovrà fare a meno di Scartozzi e D'Addazio nella delicata sfida interna contro gli abruzzesi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Giuseppe Colantoni, terzino destro del Matelica

Giuseppe Colantoni, terzino destro del Matelica

di Sara Santacchi

Non c’è partita che si rispetti che non abbia un ex di turno. In questo caso è ancora più d’eccezione perché nella gara d’andata aveva affrontato il Matelica da avversario e domani si troverà dalla parte opposta, a giocare con la casacca biancorossa, contro il Celano. Si tratta del terzino destro Giuseppe Colantoni, classe ’94, arrivato a Matelica a dicembre e subito inseritosi nella squadra. Sarà una partita un po’ diversa dalle altre per lui, quella di domani, al Comunale alle ore 15, tra Matelica e Celano, l’ultima prima di due esterne “Non nego che mi faccia un po’ strano affrontare da avversario i miei ex compagni – commenta il giovane terzino – quelli con cui ho iniziato la stagione e condiviso bei momenti, ma nei 90’ minuti non mi farò certo trasportare da questo, ma penserò solo a fare bene per la mia squadra che è il Matelica”. Proprio all’andata la compagine abruzzese beffò i biancorossi sul finale, dimostrandosi un osso duro “il Celano fa della compattezza la sua forza. Basti pensare alle sole 22 reti subìte o ai 16 pareggi conquistati. Con un avversario del genere si è consapevoli che non sarà facile. Davanti poi possono contare su Aquaro che ha segnato qualcosa come 15 reti”. Insomma, ci sono tutte le carte per dare vita a un’altra partitissima, agguerrita e senza esclusioni di colpi “loro non sono ancora salvi matematicamente – spiega Colantoni facendo una breve disamina della partita – e vorranno raggiungere quando prima quella soglia, però anche noi siamo concentrati sull’obiettivo del mantenimento del secondo posto, per cui non intendiamo né possiamo fare sconti a nessuno. Ogni partita è così, va giocata fino all’ultimo minuto, soprattutto quando i giochi sono ancora aperti”. Quale dovrà essere quindi l’arma vincente? “Mah, più che soffermarmi su un solo aspetto direi che sarà fondamentale ripetere leprestazioni delle ultime settimane”. Rientrati Spitoni, Cognigni e Cacciatore, il tecnico Carucci dovrà fare a meno del centrocampista Daniele Scartozzi, fermato dal giudice sportivo e del difensore Francesco D’Addazio, infortunato. Spazio, dunque, alla coppia Gilardi-Ercoli al centro della difesa. Sarà ancora Gadda a fare da regista in mezzo al campo, con tutta probabilità, mentre in porta dovrebbe tornare Spitoni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X