Caso catasto, l’opposizione:
“Corvatta torbido”

CIVITANOVA - Prosegue il botta e risposta fra sindaco e federazione del centrodestra sul caso relativo all'accatastamento dell'ambulatorio
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

federazione centrodestra“Corvatta è torbido e Brandoni di parte”. La singolar tenzone fra sindaco e federazione del centrodestra sul caso relativo all’accatastamento dell’ambulatorio del primo cittadino continua a suon di botta e risposta (leggi l’articolo).  E l’opposizione ancora chiede chiarezza: “il sindaco racconta frottole – scrive la minoranza in un comunicato – e la ricostruzione del Presidente della Civita.s è lacunosa. La richiesta di accesso agli atti del centro destra è datata luglio 2013, ed invece le risposte sono arrivate solo a settembre 2013 e dopo la denuncia alla Guardia di Finanza, nonostante il regolamento e la legge prevedano la consegna dei documenti ai consiglieri entro tre giorni. Ci domandiamo quindi, se tutto era regolare, perché sono serviti due mesi per le risposte? Inoltre Brandoni afferma, che pur risultando nell’archivio aziendale, un accatastamento A3, i tributi sarebbero stati versati su una rendita presunta A10. A questo punto ci domandiamo, per quale motivo in presenza di incongruenze tra accatastamento e imposte, la Civita.s non ha fatto partire d’ufficio l’accertamento, come avviene per qualsiasi altro cittadino? Solo ora invece, viene contestato al Sindaco di utilizzare un’abitazione come ufficio, da prima del 2007, e per questo gli viene intimato di accatastarla correttamente entro 90 giorni, con le conseguenze fiscali che ne derivano. Inoltre sulla notifica dell’atto risulterebbe pure errato l’indirizzo della sua residenza, ancora non certa. Pensiamo che il primo cittadino debba essere primo anche in trasparenza e rispetto delle regole”. In risposta al proclamo del sindaco che chiedeva la stessa solerzia e trasparenza anche da parte dell’opposizione sulle proprie posizioni catastali, la federazione dice: ” indaghi pure il Sindaco, non temiamo controlli, e qualora fossimo chiamati a chiarire, lo faremo immediatamente e senza indugi, contrariamente a lui, al quale ricordiamo essere ad oggi, l’unico soggetto ad aver ricevuto un accertamento dalla Civitas”.

(l.b.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X