È legge il terzo mandato per i sindaci dei piccoli Comuni

La norma aumenta anche il numero dei consiglieri comunali ed è contenuta nella legge di riordino della Province, che non sono abolite, ma perdono gran parte delle funzioni. Per nove Province italiane, tra cui Macerata, gli attuali organi elettivi resteranno in carica fino al 2016
- caricamento letture

urneÈ diventata legge la proposta Del Rio che consente un terzo consecutivo mandato ai sindaci dei Comuni con meno di tremila abitanti. La Camera dei Deputati ha approvato la modifica già introdotta dal Senato a fine marzo (leggi articolo)  e pertanto la nuova legge potrà trovare applicazione fin dalle prossime elezioni comunali previste per il 25 maggio. Per i Comuni interessati all’imminente turno elettorale (nel maceratese sono 43) ci sono anche altre novità che riguardano la composizione dei Consigli comunali e delle Giunte. Le nuove norme, annullando le restrizioni introdotte nel 2011, aumentano il numero di consiglieri ed assessori. Fino a tremila abitanti i Comuni avranno un sindaco, dieci consiglieri e massimo due assessori (ora era previsto solo sindaco e sei consiglieri) mentre nella fascia compresa tra i tremila e i diecimila abitanti ci saranno un sindaco, dodici consiglieri e al massimo quattro assessori. Queste nuove disposizioni relative alle elezioni per i Comuni sono contenute nel cosiddetto disegno di legge sul riordino delle Province, che non sono abolite. Potendo essere soppresse solo con legge costituzionale, che richiede una speciale procedura lunga almeno un anno, la proposta Del Rio – presentata in Parlamento dal precedente Governo Letta prima di Natale e poi fatta propria anche dal Governo Renzi – trasforma le Province in enti fortemente ridimensionati sul piano delle funzioni e con organi non più eletti direttamente dai cittadini. E’ stata eliminata la Giunta provinciale, mentre gli altri due organi che restano (Presidente e Consiglio provinciale) saranno eletti tra gli amministratori dei Comuni del territorio di riferimento. Ad essi si aggiungerà, l’assemblea dei Sindaci della provincia. La nuova legge, che demanda agli statuti provinciali la definizione dei compiti spettanti a ciascun organo, ha introdotto una norma transitoria che prevede l’applicazione immediata della riforma solo alle Province i cui organi elettivi scadano nel prossimo mese di maggio, mentre in tutte le altre Province gli attuali organi resteranno in carica fino alla loro naturale scadenza. Per Macerata, così come per altre otto province italiane (Campobasso, Lucca, Mantova, Pavia, Ravenna, Reggio Calabria, Treviso e Vercelli) le cui elezioni si sono svolte nel 2011, il rinnovo degli organi con le nuove regole si verificherà sono nel 2016. Fra due anni, insoemma, sempre che, nel frattempo,  non giunga in porto  l’ abolizione definitiva delle Province contenuta nel disegno di legge di riforma costituzionale approvato il 28 marzo scorso dal Consiglio dei Ministri che abolisce il Senato elettivo e riforma l’intero Titolo V della Costituzione.

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X