Tolentino spuntato,
play off sempre più lontani

ECCELLENZA - Al Della Vittoria i cremisi pareggiano 0-0 contro la Vigor Senigallia
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Tolentino e Vigor Senigallia al centro del campo

Tolentino e Vigor Senigallia al centro del campo

di Marco Cencioni

Il secondo pareggio a reti bianche consecutivo mette probabilmente la parola fine ai sogni playoff del Tolentino. Nella giornata che vede lo stop casalingo del Trodica e la concreta possibilità di raggiungere il quarto posto, i crèmisi confermano di avere dei grossi limiti nel concretizzare, sbattono contro la buona retroguardia della Vigor e non riescono a portare a casa i tre punti. Tantissimo impegno, molta voglia di fare bene e tornare al successo interno, ma nessun gol all’attivo. 5 pari e 1 sconfitta nelle ultime 6 gare, conditi (si fa per dire) da sole 3 reti all’attivo sono numeri che non lasciano scampo a malintesi e che sottolineano come proprio nel momento di accelerare il Tolentino sia rimasto con il freno a mano tirato. Se poi aggiungiamo che nel girone di ritorno su 18 punti disponibili al “Della Vittoria” ne sono stati raccolti solo 6, è evidente che Minopoli e compagni possono solo prendersela con se stessi, proprio perché nei match fra le mura amiche si è perso, forse definitivamente, il treno degli spareggi promozione. Per il resto, la partita odierna è stata noiosa nel primo tempo e tambureggiante nella ripresa. I locali hanno dato tutto, assediando per 45 minuti la porta difesa dall’ottimo Moscatelli. Su questo i tifosi non possono recriminare. E’ mancata, come del resto in quasi tutto il campionato, la lucidità sotto porta. La prima occasione arriva al nono minuto, quando Cinotti sfrutta la sponda di Iori e prova il destro dai venti metri, tiro fuori misura. E’ il 17mo quando Ruggeri prova il tiro a giro su punizione, sfera alta di poco. Sicuramente non è una bella partita. La Vigor la interpreta davvero bene, proponendo il pressing alto degli attaccanti e del trequartista Siena sul perno  Minopoli. Il risultato è che il Tolentino non costruisce, non riesce ad imbastire gioco, non trova il modo di rendersi pericoloso. I passaggi spesso sono sbagliati, si avverte la mancanza di un’alternativa vera al solito fraseggio corto e veloce, impedito dalla costante applicazione del pressing alto dalla Vigor. Dopo l’unico tentativo ospite di tutta la gara (24’ Francioni si gira e tira, diagonale a lato di un soffio), i crèmisi crescono di intensità. Ci provano dalla distanza Nicolosi (34’, destro in corsa alto) Frinconi (43’, bordata a lato) e poi Mandorlini (44’,tiro ribattuto da Mistura). La ripresa è un’altra musica, il Tolentino la inizia con un altro piglio. Più cattivo, più determinato. Il tiro di Mandorlini al 49’, blocca Moscatelli, e il colpo di testa di Bergamini di poco a lato un minuto più tardi, sono i primi tentativi di un secondo tempo che vedrà i padroni di casa dominare. Nel giro di 120 secondi due volte Mandorlini protagonista. Prima il suo destro viene bloccato da Moscatelli (53’), poi l’ala locale divora il gol del vantaggio sparando addosso da due metri all’estremo ospite (55’). Dopo il cross di Nicolosi e il colpo di testa Mercuri alto sopra la traversa (60’), arriva la più nitida palla gol dell’incontro. Ruggeri ingrana le marce alte al 63’mo, salta un paio di avversari, dialoga con Cinotti che lo mette solo davanti a Moscatelli: il terzino sceglie il destro a giro, la palla finisce a lato. I locali ci provano sino alla fine, la Vigor è alle corde ma ha il merito di compattarsi e provare quando può la sortita offensiva. In due occasioni Ruggeri prima e Bergamini poi chiudono gli attaccanti ospiti proprio sul più bello. E’ comunque un monologo tolentinate sino alla fine però, con i tiri di Romagnoli (67, deviato da Moscatelli), Frinconi (84’e 90’, palla fuori di un nulla) e Cinotti (92’, rovesciata blocca il portierone rossoblu). Niente. Il Tolentino non riesce a passare e, probabilmente, dice addio ai playoff.

il tabellino:

TOLENTINO (4-3-3): Carnevali s.v.; Fede 6, Nicolosi 6 (41’s.t. Ciotti s.v.), Bergamini 7, Ruggeri 6.5; Frinconi 6.5, Minopoli 6, Mercuri 5.5 (30’s.t. Bernabei s.v.); Mandorlini 5.5, Iori 5.5 (13’s.t. Romagnoli 6), Cinotti 5.5. A disp.: Brandi, Kakuli, Gobbi, Ciavaroli. All.: Clementi 6.
VIGOR SENIGALLIA (4-3-1-2): Moscatelli 7; Zandri 6.5, Mistura 6.5, Focante 7, S. Gregorini 6.5; T. Gregorini 6 (28’s.t. Giraldi s.v.), Morganti 6.5, Mucaj 6.5; Siena 6 (17’s.t. Gorini 6); Francioni 6.5, Boccolini 6 (25’ s.t. Cuomo s.v.). A disp.: Putignano, Spezie, Carboni, Squadroni. All.: Alessandrini 6.
ARBITRO:  Fabio Catani di Fermo 6.5
ASSISTENTI:  Cristian Santori di Ascoli Piceno 6.5 – Etis Bejko di Jesi 6.5
NOTE: La partita è iniziata con 30 minuti di ritardo per via di un guasto tecnico al pullman della Vigor Senigallia. Spettatori 300 circa. Ammoniti: Morganti, Siena, Mucaj, Mercuri, Gorini, Giraldi. Angoli 8 – 1. Recupero: 3’ (0’+3’).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X