Tentata rapina davanti alla banca
Giovane aggredito con una pistola
“Sono stato colto alle spalle”

CIVITANOVA - Mauro Bottoni, 25 anni, è titolare del distributore Agip a San Marone e stava andando a depositare l'incasso nella filiale della Banca delle Marche a Fontespina. E' stato assalito da un rapinatore che lo ha colpito con l'arma, rivelatasi giocattolo. Indagano i carabinieri
- caricamento letture
Mauro Bottoni

Mauro Bottoni

La finta pistola usata dal rapinatore

La finta pistola usata dal rapinatore

di Laura Boccanera

«Mi ha colto alle spalle e ha cercato di portarmi via la borsa, l’ha strattonata e ha strappato la cinghia, ma io ho reagito, l’ho trattenuta e poi ho visto che mi colpiva, solo quando me l’ha rotta in testa ho capito che era una pistola». E’ un po’ provato, ma tutto sommato sta bene Mauro Bottoni, il coraggioso 25enne che oggi ha fatto scappare il rapinatore che voleva portargli via l’incasso della giornata. Il ragazzo, un colosso alto oltre il metro e ottanta, ha avuto il sangue freddo di reagire e salvare la borsa che conteneva i proventi del distributore di benzina Agip di san Marone che il giovane gestisce con il padre. Erano circa le 12.30 quando Mauro Bottoni, come ogni giorno, si stava recando alla filiale Banca Marche di via Saragat, vicino al caffè Servidei. Parcheggia la sua auto, una Ford Fiesta, nel piazzale e percorre il vialetto che conduce alle scalette. E’ in quel momento che arriva una moto di grossa cilindrata con a bordo i due rapinatori: entrambi indossano dei caschi integrali con la visiera oscurata. Uno mauro bottoniscende e raggiunge il giovane alle spalle: «Ho sentito che mi strattonava, mi ha strappato la borsa che portavo a tracolla, ma con una mano ho continuato a stringerla e con l’altra ho cercato di dargli un paio di cazzotti sullo stomaco» -ha raccontato la vittima. «Lasciamelo»; solo questo avrebbe invece proferito il rapinatore. Nel frattempo le grida hanno attirato l’attenzione degli avventori del vicino bar e del supermercato che si trova nello stesso piazzale e il rapinatore, capito che probabilmente non sarebbe riuscito a portare via il “malloppo”, ha tentato il tutto per tutto tirando fuori una pistola giocattolo e colpendo più volte il giovane alla testa dandosi poi velocemente alla fuga. Per il ragazzo una ferita alla tempia e un brutto mal di testa, ma sta bene: «Ho reagito, è stata quella la mia reazione, non ho pensato alle conseguenze o se la pistola fosse vera, anche perché me ne sono accorto solo quando ha iniziato a colpirmi. I due erano camuffati e dall’accento non saprei dire se fossero stati italiani perchè il mio aggressore ha detto solo poche parole». Non è da escludere che i rapinatori avessero seguito e pedinato il giovane dal momento che il ragazzo non era ancora entrato in banca. Sul posto una pattuglia dei carabinieri di Civitanova che hanno raccolto le testimonianze del ragazzo e dei presenti. A terra, nei pressi del luogo dell’aggressione, era presenti ancora i resti della pistola giocattolo.(ultimo aggiornamento ore 16.50)
tentata rapina mauro bottoni


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X