Samb-Portorecanati, arancioni
vogliosi di fermare la leader

ECCELLENZA - I ricordi degli storici vanno al 1947 quando un gol di Monaldi fissò il punteggio sull'1-1 nello storico stadio Ballarin
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Portorecanati-Corridonia (9)di Mauro Nardi

Un gol che buca la rete, una squadra assediata negli spogliatoi, un giocatore all’ospedale e tifosi pronti ad imbracciare le armi. E’ una storia d’altri tempi quella che esce dalla bocca di Antonio Monaldi alla vigilia di Sambenedettese – Portorecanati. Il navigato allenatore e dirigente, negli anni 80 alla guida delle giovanili della Maceratese ed oggi responsabile dell’area tecnica del settore giovanile del Villa Musone, ricorda una lontana sfida giocata nel 1947 al mitico Ballarin. Una sfida che finì in parità grazie al gol di Vincenzo Monaldi. “Mio zio segnò con un sinistro potente tanto che la palla bucò la rete della porta – ricorda il portorecanatese doc Antonio Monaldi – la sua esultanza unita alla mancata vittoria che per loro era fondamentale, provocò l’ira dei tifosi della Samb. Il professor Rossi fu addirittura ricoverato all’ospedale e il resto della squadra fu assediata negli spogliatoi del Ballarin. Si racconta quindi che da Porto Recanati partirono alcuni tifosi armati per andarli a liberare. Si era nell’immediato dopo guerra e l’artiglieria non mancava di certo nelle case degli italiani. Fortunatamente i tifosi incrociarono la squadra che nel frattempo era riuscita ad uscire dal Ballarin e stava facendo ritorno a casa. L’incontro avvenne all’altezza di Pedaso e non ci furono altre conseguenze, ma quell’episodio viene ricordato tutt’oggi a Porto Recanati”. Anche la sfida di ritorno non fu tranquilla, proprio a causa di quell’episodio. “Se i tifosi della Samb non erano buoni, quelli del Portorecanati non erano certo dei santi – continua Monaldi – in occasione della gara di ritorno, memori di quanto accaduto al Ballarin, aspettarono i rivali della Sambenedettese all’altezza del fiume sul fiume Potenza. Ovviamente imbracciando le armi. E si racconta che al “Nazario Sauro” non si presentò neanche un tifoso della Samb”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X