Don Raniero: “Per il bene dei giovani
celebro la messa a qualsiasi ora”

SERRAVALLE - L'anziano sacerdote si è messo a disposizione per favorire la partecipazione dei ragazzi che la domenica dormono fino a tardi: "C'è tempo per tutto"
- caricamento letture

Volantino messadi Sara Santacchi

Celebrare la messa su appuntamento. E’ la singolare idea lanciata prima di Natale da don Raniero Seri, parroco ultra ottantenne di Dignano, una piccola parrocchia vicino Serravalle di Chienti che, per invogliare i giovani a prendere parte alla celebrazione eucaristica della domenica, è pronto anche a celebrare la messa all’orario che sarà più comodo per loro. Non è certo un segreto, infatti, che la partecipazione dei giovani alla messa domenicale sia sempre più in calo, vuoi per pigrizia, vuoi perché si tratta dell’unica giornata in cui poter dormire visto che non c’è scuola. Lo sa bene anche il sacerdote ottantunenne, originario di Serravalle del Chienti dove è cresciuto ed è sempre vissuto. Come cercare di andare incontro alle esigenze di tutti i più giovani, dunque? Facendo scegliere proprio a loro l’orario. “Sono disposto a celebrare la messa a qualsiasi ora – ha dichiarato l’anziano a capo da oltre quarant’anni della piccola parrocchia – l’importante è che ci sia una maggiore partecipazione da parte dei ragazzi del posto”. Ecco, e proprio da parte loro ha trovato consensi? “Diciamo che fino adesso non molti. Con le feste qualche giovane in più c’è stato, come d’abitudine tra Natale e Pasqua. Il mio – spiega – è stato più un invito che una reale proposta alle nuove generazioni a farsi più sensibili alla spiritualità e la preghiera. Dopo tutto è vero che la domenica si può dormire di più la mattina e il pomeriggio si preferisce andare al cinema o in giro con gli amici, ma si può trovare tempo per tutto”. Mai come in questo caso è vero il detto: se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X