Stira nuda i pantaloni: “Niente sessismo,
la pubblicità gioca sull’ironia”

CIVITANOVA - Lo stilista Luca Paolorossi: "Mi scuso se ho offeso la sensibilità di qualcuno, ma ad essere ridicolizzata è l'immagine dell'uomo, messo in mutande e fortemente diminuito nella sua dimensione di cosiddetto sesso forte"
- caricamento letture

pubblicità_paolorossi

Lo stilista Paolorossi

Lo stilista Paolorossi

Niente sessismo, solo ironia. Lo stilista Luca Paolorossi risponde alle considerazioni della nostra lettrice Cinzia Lambertucci, che aveva segnalato come offensiva una pubblicità apparsa su un camion vela parcheggiato nella zona commerciale di Civitanova (leggi l’articolo).
«Ho letto la lettera di protesta della signora Cinzia Lambertucci pubblicata sul vostro giornale, e sono sinceramente sorpreso per aver suscitato una reazione così risentita. Con il massimo rispetto per la signora Lambertucci, ma con altrettanta convinzione,  non esito ad affermare che la campagna pubblicitaria non esprime alcuna idea né volontà sessista e gioca semmai sull’ironia.
Il nudo della donna che stira non è affatto volgare ed è stato pensato in una cornice “burlesque”, sia per la capacità dell’immagine di celare con arguzia i particolari, sia per l’espressione della ragazza che pare appunto scherzare sulla situazione.
Al contrario, per smentire l’accusa di sessismo,  ad essere dissacrata e ridicolizzata è semmai proprio l’immagine dell’uomo, messo in mutande e fortemente “diminuito” nella sua dimensione di sesso forte ed espressione di potere. E visto che mi occupo di alta moda maschile, aver scelto quel messaggio e aver proclamato che anche nel focolare domestico il “Re è (semi)nudo” credo sia una vera dimostrazione di coraggio e, torno a dire, di ironia. Ovviamente, mi scuso con la sua lettrice se ne ho involontariamente offeso la sensibilità ma ribadisco che la mia campagna pubblicitaria non ha alcun intento sessista né offensivo verso la dignità femminile. E aggiungo che, forse, ogni tanto un po’ di buon senso e di sense of humour aiuterebbe a vivere meglio e a interpretare il quotidiano con maggiore saggezza».

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X