Minacce e botte ai proprietari
Ladri scatenati nella notte di Capodanno

MACERATA - Ad agire con ogni probabilità è stata una banda che ha colpito a Sforzacosta, in contrada Cimarella e a Villa Potenza, dove i malviventi hanno mostrato una pistola e un coltello per spaventare una coppia
- caricamento letture

ladridi Gianluca Ginella

Raid di Capodanno, ladri in azione poco dopo la mezzanotte in vari punti del capoluogo: a Sforzacosta colluttazione con il padre della proprietaria, a Villa Potenza minacciano una coppia con coltello e pistola.

Nelle ore del veglione dell’ultimo dell’anno, Macerata è stata presa di mira, con ogni probabilità, da una banda di malviventi che hanno agito nelle case dove i proprietari erano assenti per festeggiare l’ultimo dell’anno. E così i malviventi hanno cominciato il loro raid, secondo quanto emerge dalle indagini condotte dalla Squadra mobile di Macerata, dalla frazione di Sforzacosta. Lì un 40enne, poco dopo mezzanotte di ieri, ha sentito scattare l’allarme dall’abitazione della figlia, che abita vicino a lui e che non era in casa. Insospettito, è andato a controllare. E ha visto quattro uomini che si calavano dal balcone della casa. Allora il 40enne è corso verso i ladri per bloccarli. Nel farlo ha avuto una colluttazione con un malvivente, che si è divincolato riuscendo a fuggire insieme ai complici. Il 40enne ha riportato qualche piccola ferita per via della lotta per bloccare il ladro, ma è riuscito a recuperare quello che i malviventi avevano rubato a casa della figlia. Circa un’ora più tardi, all’1,30 di ieri mattina, un’auto di grossa cilindrata è posteggiata davanti ad una abitazione di Villa Potenza, in via Salvadei. La casa dove vive una coppia, che proprio a quell’ora stava rientrando a casa. L’uomo e la donna hanno notato l’auto e poi un uomo che si sta arrampicando su di una ringhiera. Mentre una seconda persona è lì vicino e sta facendo il palo. Quando i ladri hanno visto la coppia, hanno lasciato perdere il furto. Poi hanno tirato fuori un coltello e una pistola e con quelli hanno minacciato la coppia per riuscire a fuggire indisturbati. L’uomo e la donna, spaventati dalle armi, si sono fermati. I due ladri sono saliti velocemente nell’auto di grossa cilindrata, dove ad attenderli c’erano altri due complici. Il malvivente che era alla guida ha messo in moto e i ladri sono fuggiti rapidamente. Sul posto, come nel primo furto, è intervenuta la polizia. Ma notte di furti non è finita lì. Perché un terzo colpo, questa volta andato a segno, è stato scoperto alle 2 di ieri mattina dal padre del proprietario di una casa in contrada Cimarella, sempre a Macerata. In quel caso i ladri, forse sempre gli stessi degli altri due tentativi di furto, sono entrati indisturbati e hanno rovistato in tutte le stanze cercando qualcosa da rubare. Il bottino del furto per ora non è stato quantificato, perché il proprietario si trova all’estero. Sui furti indaga la Squadra mobile, diretta dal vice questore aggiunto Alessandro Albini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X