Scoperto market della droga
Tre persone in manette dopo il blitz

MACERATA - Era in una casa di via Mozzi, chiusa con una porta blindata. Un maceratese e due tunisini sono stati arrestati dalla Squadra mobile per spaccio nell'operazione Doorbell. Violenta reazione di uno dei pusher che ha cercato di sfuggire agli agenti
- caricamento letture

polizia questura7di Gianluca Ginella

Nel cuore di Macerata, in via Mozzi, c’era il domicilio dell’eroina. Lì in un appartamento chiuso da una pesante porta blindata, tre persone vendevano stupefacente e mettevano a disposizione le stanze per poterlo consumare. E’ in quella casa che si è chiusa l’indagine Doorbell della Squadra mobile di Macerata, che ha portato in manette due tunisini e un maceratese.

Alla fine le indagini dell’operazione Doorbell hanno portato gli agenti della Mobile di Macerata, guidata dal vice questore Alessandro Albini, ad un appartamento del centro storico. In quella casa c’era da qualche tempo, quotidianamente, un via vai di persone conosciute alla polizia per problemi legati al consumo di stupefacenti. Il che ha convinto gli inquirenti che nella casa, in via Mozzi, si nascondesse un market della droga. Le indagini, hanno portato a scoprire che la casa era usata da tre persone: Francesco Martinelli, maceratese di 35 anni, Boulbaba Loussaief, tunisino, 21enne, e Cherni Yassine, 20 anni, anch’egli tunisino. I tre giovani, in quella casa, non solo cedevano stupefacente, ma poi mettevano a disposizione i locali per consentire di consumare in tutta tranquillità la droga. Ieri pomeriggio la Mobile, dopo un lungo servizio di appostamento, e dopo aver raccolto elementi di prova tali da ritenere che in quella casa si celasse un market della droga,  ha deciso di fare un blitz. La zona è stata chiusa al traffico, per sicurezza e per tagliare vie di fuga ai pusher. Fatto questo, la polizia è entrata nella palazzina e ha sfondato la porta blindata dell’appartamento.

Il vice questore Albini

Il vice questore Albini

Una volta entrati, Yassine ha cercato di fuggire e si è scagliato contro i poliziotti con cui ha avuto una colluttazione. Li ha colpiti, nel tentativo di dileguarsi, ma alla fine gli agenti sono riusciti a bloccarlo e ad ammanettarlo. Martinelli invece non ha opposto resistenza. L’altro tunisino, al momento dell’irruzione, stava dormendo. Con sé aveva svariate centinaia di euro, ritenuti dalla polizia provento di spaccio. Nella casa gli agenti hanno rinvenuto 30 grammi di eroina, che era ancora allo stato solido, due bilancini di precisione, decine di dischetti di plastica, utilizzati per confezionare le dosi termosaldate di droga, e poi sostanza da taglio e tutto il materiale tagliare e confezionare la droga. Nella casa c’erano anche centinaia di stagnole bruciate, che proverebbero che qualcuno in quella casa aveva assunto, e in svariate occasioni, eroina. Martinelli, Yassine e Loussaief sono stati arrestati. I due tunisini erano già stati colpiti da decreto di espulsione dal nostro Paese. A Yassine, oltre al reato di spaccio, viene contestato quello di resistenza a pubblico ufficiale. I due tunisini si trovano in carcere a Camerino, sono assistiti dall’avvocato Domenico Biasco.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X