Cosmari: “Soldi reali, nè falsi nè fantomatici”

CIVITANOVA - Il direttore Giampaoli risponde al consigliere Corallini
- caricamento letture

GiampaoliMacchè soldi falsi, sono soldi reali frutto dell’impegno quotidiano dei cittadini”. Il direttore del Cosmari Giuseppe Giampaoli risponde al consigliere di opposizione di centrodestra Giovanni Corallini che ha riferito che l’assegno di 80 mila euro dato dal Cosmari al comune non esisterebbe (dichiarazioni poi precisate in seguito dallo stesso Corallini) (leggi l’articolo). Giampaoli però precisa come gli 80mila euro a Civitanova siano a scorporo del canone che i Comuni pagano al consorzio: ” il Cosmari  in occasione di Ecomondo 2013 – si legge in una nota – ha reso noti ai Comuni i corrispettivi ricavati dalla vendita ai consorzi di filiera dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata (periodo gennaio- settembre 2013). Infatti, da diversi anni, il Consorzio, a fine anno, comunica a tutti i Comuni le somme che vengono ricavate grazie al recupero di carta e cartone, plastica, vetro, alluminio, barattolame metallico, e che, pagato il servizio di trattamento eseguito in impianto mediante la selezione manuale, viene scorporato dal canone che i Comuni pagano a Cosmari per i servizi resi, ad esempio la raccolta domiciliare “Porta a Porta”. Quindi non soldi falsi o fantomatici ma soldi reali che sono il frutto dell’impegno quotidiano dei cittadini che fanno correttamente la raccolta differenziata e dell’impiantistica di Cosmari che consente di recuperare correttamente e avviare a riciclo sempre più materiali. La piccola e semplice cerimonia di premiazione che si è tenuta a Rimini in occasione di Ecomondo voleva solo essere una occasione per comunicare agli amministratori e ai cittadini che l’impegno comune porta risultati certi che consento di mantenere le tariffe applicate ai comuni su livelli certamente più bassi di quelli praticate in altre zone marchigiane e italiane”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X