B-Chem, coach Graziosi non fa drammi dopo il ko a Matera

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il libero Roberto Romiti e coach Gianluca Graziosi a colloquio

Coach Graziosi con il libero Romiti

«Sapevamo che ci attendeva un match davvero tosto, ma si doveva fare meglio». Coach Gianluca Graziosi non nasconde il dispiacere per il primo stop stagionale della capolista B-Chem Potenza Picena, ma guarda avanti. Nell’anticipo in notturna di ieri (sabato 16 novembre), incontro valido per il quinto turno di serie A2, i biancazzurri hanno rimediato una sconfitta con il massimo scarto contro Matera nell’ambiente ostile del PalaSassi. «Eravamo partiti molto bene – considera l’allenatore marchigiano -. In parte sono stati gli avversari con le loro giocate a colmare il divario nel primo set, in parte siamo stati traditi da nostre ingenuità nei punti finali. Una novità per noi. In quel momento abbiamo perso più di un singolo set. La squadra ha smarrito il bandolo della matassa e questo ci deve far riflettere». Graziosi non vuole  che l’organico entri in un circolo vizioso, ma che reagisca concentrandosi su quanto di buono fatto finora. «Andremo avanti per la nostra strada – commenta -. Non abbiamo progetti di vincere il campionato, ma vogliamo salvarci con grinta e bel gioco». Determinante per la battuta d’arresto la serata a fasi alterne in difesa e il fattore psicologico dopo un primo parziale dominato da Tobaldi e compagni, ma perso in volata con un sorpasso al fotofinish dei lucani (25-23). «In altre partite era successo il contrario – sottolinea il coach -. Questa volta siamo ci siamo fatti rimontare noi. In ogni caso a Matera vinceranno poche squadre». Le uniche consolazioni riguardano i primi punti di Zampetti in campionato sul campo che gli era stato fatale nella passata regular season e l’ennesima partita da top scorer di Moretti. «Zampetti merita di tornare a essere protagonista – spiega il tecnico – Moretti continua a confermare quanto di buono fatto vedere  in questo primo scorcio di stagione, ma, come abbiamo visto al PalaSassi, quando il gruppo non gioca al top poi si finisce col pagare un caro prezzo. E’ andato tutto storto». Tra l’altro, il collettivo di Potenza Picena aveva preparato il match per contrastare Marretta, rimasto fermo ai box in via precauzionale dopo i dolori al collo infrasettimanali. La presenza di Suglia al suo posto ha destabilizzato Potenza Picena. «Non scopriamo certo ora le grandi qualità del sostituto Suglia – esclama graziosi -.Una prova molto efficace la sua. D’altronde l’uomo simbolo di Matera gioca da 10 anni a questi livelli. Qualcosa vorrà dire. Noi, però, eravamo convinti del recupero di Marretta. Ora non resta che guardare avanti e ricominciare con una buona prestazione nel match casalingo con Padova».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X