Aerdorica, Spacca: “Continueremo a investire nell’aeroporto”

Le comunicazioni in Consiglio regionale del presidente della Giunta in merito alle vicende della società che gestisce lo scalo Raffaello Sanzio
- caricamento letture

1396_gLe comunicazioni del presidente della Giunta regionale sulla situazione di Aerdorica, dopo la bufera giudiziaria che ha investito il direttore generale Marco Morriale, hanno aperto la seduta odierna del Consiglio regionale. Il governatore ha ripercorso vicende della società negli ultimi 10 anni confermando, per il futuro, l’impegno della Regione nello scalo. “Continueremo a investire- ha detto – nell’aeroporto delle Marche. Puntiamo a una strategia di consolidamento mirata sui segmenti merci a sostegno del sistema manufatturiero regionale e di espansione del traffico turistico”. E ancora: “Confermiamo il valore strategico del’aeroporto, una delle infrastrutture più importanti della nostra regione”.  Sul caso Morriale “in attesa delle decisioni dell’autorità giudiziari – ha spiegato Spacca – abbiamo sospeso il direttore ed è in corso una ricognizione su tutta la sua attività. Il mandato del consiglio di amministrazione è ora quello di vagliare possibili irregolarità di carattere gestionale”.

Terminate le comunicazioni del presidente  Spacca, l’intervento del vicepresidente del Consiglio regionale Giacomo Bugaro ha dato il via al dibattito su Aerdorica. “Uno scalo – ha detto – che può essere strategico ma fino a oggi non lo è stato. Dobbiamo aver il coraggio di assumere manager seri se vogliamo fare il salto di qualità”. Secondo il consigliere Erminio Marinelli (Per le Marche) “l’aeroporto non è mai decollato”. “Non possiamo permetterci in prospettiva futura – ha spiegato – un aeroporto tutto sulle spalle della Regione Marche come avviene oggi”. Per Daniele Silvetti (Centro-destra) “ è assolutamente improcastinabile una ricapitalizzazione che veda il coinvolgimento dei privati”, mentre il consigliere Umberto Trenta ha spiegato di vedere “il bicchiere mezzo pieno” e chiesto, viste le crisi degli scali di Forlì e Pescara, “di raddoppiare le potenzialità investendo nei debiti dello scalo marchigiano”. Il consigliere segretario Moreno Pieroni ha auspicato che “emerga oggi la volontà vera di tutto il consiglio regionale, della giunta e del presidente di un rilancio forte dello scalo”. Per Enzo Giancarli (Pd) “il nostro obiettivo è quello di spostare più a sud il baricentro dell’Europa . Fare in modo che dentro le reti europee le nostre infrastrutture logistiche possano avere un ruolo strategico”. Raffaele Bucciarelli (Pdci) ha chiesto all’Esecutivo di “passare dalle parole ai fatti” e sottolineato che “l’aeroporto delle Marche non è una struttura che si autoalimenta”. Per Massimo Binci sarebbe importante “creare sinergie con altri aeroporti, lavorare non in concorrenza ma in un’ottica di collaborazione”. In merito alla situazione finanziaria dello scalo, secondo il capogruppo Pd, Mirco Ricci “non bisogna essere preoccupati perché in realtà l’aeroporto non è un servizio che crea grandi redditi. Bisogna pensare nuova vita, un nuovo sviluppo dello scalo di Falconara, con l’aria cargo che deve trascinare con sè anche il resto” . Per la consigliera Pdl Graziella Ciriaci ci vuole “una svolta economica seria” , mentre Giovanni Zinni (Pdl)ha rimarcato la presenza di “un problema finanziario pesante” e chiesto “trasparenza nei confronti del territorio”.  “Dobbiamo costruire una strategia orientata prevelantemente al consolidamento finanziario per alleggerire il peso dell’indebitatmento”. Ha replicato Spacca chiudendo il dibattito sulle vicende di Aerdorica . E ancora: “C’è una società argentina – ha spiegato – che investe sull’aeroporto delle Marche significa che non siamo in una situazione così disastrosa come si vorrebbe far credere, ma ci sono delle prospettive”. Il presidente ha poi rimarcato di voler puntare su merci e su turismo ribadendo che “il dibattito non finisce qui”. Prima dell’intervento conclusivo di Spacca sono intervenuti anche i consiglieri Marangoni (Pdl), Marconi (Udc) e Massi (Pdl)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =