Corvatta difende Sglavo
“Ho conosciuto
un’altra persona”

CIVITANOVA - Il sindaco protegge l'assessore che ha restituito le deleghe: "Non permetterò che finisca nel tritacarne", ma non è ancora chiaro il futuro politico dell'esponente del Pd. Riunione del suo partito e della lista Uniti per Cambiare sulla vicenda che ha avuto eco nazionale
- caricamento letture
L'assessore Antonella Sglavo. A destra, i suoi messaggi su facebook

L’assessore Antonella Sglavo. A destra, i suoi messaggi su facebook

di Laura Boccanera

Clima teso in Comune dopo la bufera generata dal caso Sglavo. In attesa di capire il futuro politico della 36enne originaria campana, che ieri ha rimesso in mano al sindaco la delega ai servizi sociali, Tommaso Corvatta ritorna sulla vicenda con una nuova dichiarazione che lascia trapelare l’aspetto umano, con l’ apprezzamento per il lavoro svolto dalla Sglavo. Chissà però se basterà a salvarle non solo la faccia, ma anche il ruolo istituzionale. Per questa sera intanto sono attese due riunioni, una al Miramare della Lista Uniti per Cambiare e l’altra del Pd. Sul tavolo delle discussioni l’affaire Sglavo sarà sicuramente la priorità. Paradossalmente la vicenda ha incontrato la solidarietà di esponenti del centrodestra locale che ora esprimono apprezzamento per la Sglavo e per la sua schiettezza, in particolare per le parole contro la sinistra.

Dichiarazioni che le sono valse anche una tessera “ad honorem” da parte del gruppo di Forza Nuova e anche la ribalta dei media nazionale. Attraverso una nota il primo cittadino, sempre in maniera piuttosto sibillina cerca di fornire un indirizzo su quella che sarà la sua volontà. Il sindaco continua a biasimare le parole del suo assessore, tuttavia pare non volerle rinnegare la fiducia: «L’ assessore Sglavo è stata indubbiamente protagonista di un fatto grave – scrive Corvatta -, dimenticando che chi svolge una funzione pubblica è tenuto costantemente ad un comportamento adeguato alla rappresentanza del suo ruolo. Se fossero reali i suoi dubbi sulla collocazione politica e  avesse perso la fiducia nei suoi concittadini, dovrebbe trarne le conseguenze di per sé. Ma chi come me ha avuto modo di lavorare fianco a fianco con la dottoressa, ha invece sperimentato un’altra persona, sempre appassionata del suo lavoro di assessore, impegnata al massimo nell’ottenimento dei risultati, lontana nei fatti da quell’ideologia di estrema destra alla quale il post sulla rete sembrerebbe ammiccare».

 

Il sindaco Tommaso Claudio Corvatta

Il sindaco Tommaso Claudio Corvatta

E poi passa a fornire una sorta di anticipazione seppur criptica sul futuro della Sglavo: «Sarà mia cura, da persona che pensa di poter cambiare la politica e non di subirne l’influsso, adeguandosi alla tutela dell’immagine e della forma, piuttosto che perseguire la sostanza,  tutelare la persona Antonella Sglavo, con i suoi scatti d’ira, le sue paure, i suoi commenti taglienti e tutto il suo amore dimostrato verso coloro che nella nostra città soffrono e sono in difficoltà, e tutelare il buon lavoro svolto, proteggendolo anche dai suoi stessi errori . Assumere un ruolo istituzionale ha i suoi oneri e non consente di dimenticare, in alcun contesto, che si rappresenta una comunità. Ma non permetterò che nessuno finisca nel tritacarne come individuo. Il ruolo di amministratore pubblico non può, non deve ridursi ad una maschera di facciata, ma credo vada tenuto a mente che nel bene e nel male si ha a che fare con una persona reale, con i suoi limiti, i suoi problemi, le sue cadute».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X