Ortolani, l’ex che non ti aspetti
Tolentino ko a Castelfidardo

ECCELLENZA - Cremisi sconfitti da una rete del difensore ad inizio ripresa. Mister Clementi: "Abbiamo creato tante occasioni ma è mancata la realizzazione"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Mattia Ortolani ai tempi del Tolentino

Mattia Ortolani ai tempi del Tolentino

di Marco Cencioni

E’ un gol dell’ex a condannare il Tolentino alla prima sconfitta stagionale. La rete di Mattia Ortolani sugli sviluppi di un corner punisce la compagine di Clementi che, per quanto visto al “Comunale” di Castelfidardo, non meritava di uscire sconfitta. L’incontro, piacevole ed equilibrato, è stato caratterizzato da un primo tempo vivace e ricco di occasioni da gol, mentre nella ripresa – subìta la rete decisiva dopo cinque minuti – i crèmisi hanno provato a rientrare i partita ma non sono riusciti a concretizzare il maggior possesso palla e il forcing finale, con l’avversario che nell’ultimo quarto d’ora ha giocato in inferiorità numerica. Venendo alla cronaca, tre le occasioni che potevano permettere al Tolentino di trovare il vantaggio. La punizione calciata da Ruggeri dal limite, fuori di un nulla, il tiro di Cinotti da ottima posizione in seguito a corner, con la sfera che sfiora il montante della porta difesa da Cantarini e il cross dell’ex Forsempronese che non trova l’impatto in area piccola di Iori e Frinconi. Per i locali l’opportunità più ghiotta capita a Marconi, che centra la traversa in seguito ad una azione da calcio d’angolo. Proprio da un tiro della bandierina nasce il gol che decide la sfida: è il quinto della ripresa quando Dell’Aquila sul secondo palo rimette al centro ed Ortolani a due passi dalla rete non può far altro che siglare il più classico dei gol dell’ex. Il Tolentino prova con orgoglio la reazione, ma il campo allentato da un autentico diluvio non permette agli ospiti di esprimere con qualità il maggior possesso palla. Le opportunità per gli ospiti ci sono, ma non sono nitide come quelle della prima frazione. Ci provano Ciotti e Frinconi da fuori area ma senza fortuna, stessa sorte per i neo entrati Bernabei e Santoni. Una volta rimasto in inferiorità numerica per l’espulsione di Marconi, il Castelfidardo indietreggia ancor di più il suo baricentro a difesa della propria area di rigore, ma non sfrutta a dovere le possibilità di andare in contropiede. I crèmisi ci provano fino al quinto minuto di recupero, ma escono battuti con la certezza di aver dato il massimo per evitare la sconfitta.

ALDO CLEMENTI (ALLENATORE TOLENTINO): “La mia squadra ha cercato di fare la partita, senza presunzione, ma con la convinzione di poter dettare i ritmi di gioco anche di fronte ad un avversario tosto e importante come il Castelfidardo, esprimendo una grande personalità, senza mai subire l’avversario. Abbiamo creato tante occasioni, ma è mancata la realizzazione. Nel finale, in superiorità numerica, abbiamo provato ad acciuffare il pareggio, risultato che sarebbe stato il più giusto, ma non ci siamo riusciti. Una sconfitta non è mai presa a buon cuore, accettiamo il verdetto del campo, ma rimane la grossa prestazione della squadra e sono convinto che alla lunga, continuando ad esprimere questo gioco, potremo toglierci grandi soddisfazioni. L’unica cosa che dispiace davvero è non aver dato una soddisfazione ai tanti tifosi che ci hanno seguito anche oggi, numerosi e calorosi come sempre”.

ROBERTO MOBILI (ALLENATORE CASTELFIDARDO): “E’stata davvero una bella partita. Sapevamo che sarebbe stata dura affrontare il Tolentino, squadra che mi ha fatto una grande impressione, sono convinto che lotterà per le posizioni di vertice della classifica. Potevano vincere loro, potevamo vincere noi, alla fine siamo stati premiati. Abbiamo tenuto un atteggiamento molto attento tatticamente, siamo riusciti a pressare in modo organizzato il loro centrocampo senza andare troppo in difficoltà. Dopo che siamo rimasti in dieci, abbiamo saputo reggere e portare a casa questi tre punti: siamo contenti e andiamo avanti. Si è giocato davanti ad una bellissima cornice di pubblico nonostante il diluvio, i nostri tifosi non ci hanno mai fatto mancare il loro supporto e alla fine ho salutato anche quelli del Tolentino. Mi ha fatto piacere rivedere tante persone legate al mio passato, è stata una sensazione davvero particolare affrontare i colori crèmisi”.

il tabellino:
CASTELFIDARDO (4-3-3): Cantarini; Tassi, Ortolani, Marconi, Machì; Panti (21’s.t. Belelli), Fermani, Ristè; Simoncelli (43’s.t. Ciccioli), Dell’Aquila, Sbarbati (31’s.t. Carboni). A disp.: Butteri,  Pucci, Scoppa, Taddei. All.:Mobili
TOLENTINO (4-3-1-2): Carnevali; Fede, Ciotti, Nicolosi, Ruggeri; Frinconi (43’s.t. Gobbi), Minopoli, Mercuri; Kakuli (36’s.t. Santoni); Cinotti, Iori (14’s.t. Bernabei). A disp.: Brandi, Ciavaroli, Bergamini, Romagnoli. All.: Clementi.
ARBITRO: Cosignani di San Benedetto del Tronto
ASSISTENTI: Sebastiano Camela di Fermo – Aniello Sorrentino di San Benedetto del Tronto
RETE: 5’s.t. Ortolani
NOTE: spettatori 500 circa. Ammoniti: Ortolani, Dell’Aquila, Simoncelli, Machì, Cantarini, Kakuli, Ruggeri. Espulso: Marconi per doppia ammonizione al 30’s.t.. Recupero: 5’ (0’+5’)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X