Imprenditore legato e rapinato in casa:
gli rubano l’auto e mille euro

TOLENTINO - L'uomo, Italo Ferranti, ha trovato due ladri dopo essere rincasato. I malviventi, per nulla intimoriti, lo hanno immobilizzato. Indagano i carabinieri
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

carabinieri controlli (2)di Gianluca Ginella

Sorprende i ladri in casa, i malviventi lo legano e fuggono portandogli via mille euro e rubandogli l’auto, una Fiat Croma, poi ritrovata poco lontano. E’ successo poco dopo la scorsa mezzanotte, vittima un imprenditore 65enne di Tolentino, Italo Ferranti, molto conosciuto in città.
Mezzanotte è passata da trenta minuti quando l’imprenditore Italo Ferranti, discendente di una famiglia conosciutissima a Tolentino, rientra a casa, da solo, e fa una brutta scoperta. La sua casa, che si trova nella zona artigianale di Tolentino, è a soqquadro. Dentro è buio pesto e ci sono due uomini. Che quando lo vedono lo immobilizzano. Senza dire niente, legano l’imprenditore ad una sedia usando una corda che trovano in casa. L’imprenditore, spaventato, consegna ai malviventi mille euro che ha in tasca. Ma ai banditi non sono sufficienti. Continuano a cercare. E, pare, trovano delle collanine d’oro. Prese quelle, escono dalla casa lasciando il 65enne legato alla sedia. Sotto casa trovano la Fiat Croma dell’imprenditore. E si allontanano con quella. Auto che poi abbandoneranno ad un paio di chilometri di distanza (dove è stata ritrovata dai carabinieri). L’imprenditore, intanto, cerca di sciogliere le corde che lo legano, ci mette un paio di ore. Una volta libero chiama il 112. Le indagini sulla rapina a casa dell’imprenditore sono condotte dai carabinieri della Compagnia di Tolentino. Un altro furto, sempre a casa di un imprenditore, era stato messo a segno nella notte tra il 10 e l’11 agosto scorsi. In quel caso ad essere derubato, con la casa messa a soqquadro, era stato l’imprenditore Franco Malagrida. Il furto era avvenuto a Pollenza. Anche in quel caso, secondo quanto è emerso dalle indagini, i malviventi ad agire erano stati due.

(servizio aggiornato 17,40)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X