Civitanova ha il regolamento per la Partecipazione popolare

Lo annuncia l'assessore Peroni. Modificato anche quello dei Comitati di Quartiere
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
foto-con-stampa-peroni-001-300x225

L’assessore Francesco Peroni, con il consigliere della federazione della sinistra Belinda Emili e il coordinatore cittadino Flavio Angeletti

 

di Laura Boccanera

E’ pronto il regolamento per la partecipazione: questa mattina l’Assessore Francesco Peroni, insieme al consigliere della federazione della sinistra Belinda Emili e  al coordinatore cittadino Flavio  Angeletti, lo ha illustrato insieme a quello relativo ai comitati di quartiere.  “I due regolamenti sono un vanto per il nostro partito – ha detto Peroni – una promessa fatta in campagna elettorale e mantenuta in tempi ragionevoli di cui andiamo fieri. Mancava una regolamentazione per coinvolgere a pieno titolo la cittadinanza e abbiamo cercato di apportare delle modifiche che fossero funzionali a questo progetto.

Soddisfatta anche Belinda Emili: “Abbiamo modificato il regolamento dei comitati, e fatto da zero quello sulla partecipazione popolare. Dopo 17 anni di centro destra la partecipazione a Civitanova era stata azzerata. La novità più eclatante sta proprio nell’elezione dei membri del comitato che vengono scelti dai cittadini e non sono più quindi solo espressione politica dell’amministrazione in quanto nominati, non è più una scelta dall’alto, ma che parte direttamente dal quartiere. Siamo sempre stati contrari a questa metodologia, e adesso l’abbiamo capovolta”. Tra le novità ad esempio si disciplinano le forme di partecipazione popolare suddivise in istanza, petizione e  consultazione popolare, con l’obbligo per l’amministrazione a dare risposte entro 60 giorni in caso di petizioni con almeno 500 firme, petizioni che andranno di titolo al vaglio della giunta o del consiglio in base alla competenza. Si abbassa anche la soglia per i referendum, da 3500 firme a 2000. Per eleggere il consiglio di quartiere invece verranno presentate delle liste uniche e potranno candidarsi anche gli stranieri residenti da almeno 2 anni nel quartiere e verranno eletti 11 consiglieri per ogni quartiere. Le elezioni per i comitati dovrebbero essere espletate a febbraio, mentre ad inizio 2013 partiranno gli incontri in ogni centro civico per illustrare i regolamenti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X