Massi a Pettinari: “Occorre trattare con Fermo e Ascoli per la sede dei servizi”

Lettera aperta del consigliere regionale al presidente della Provincia di Macerata sul riordino delle province
- caricamento letture
confronto-riordino-province-13-280x300

Francesco Massi

Il consigliere regionale del Pdl Francesco Massi ha scritto una lettera aperta al presidente della Provincia di Macerata, Antonio Pettinari, sul riordino delle province. 

“Il rinvio della decisione delle Corte Costituzione che doveva pronunciarsi il 6 novembre sui ricorsi presentati da alcune Regioni sulla manovra“Salva Italia” riguardante le competenze delle Province non è certamente da interpretare come un buon segno;  le dichiarazioni del Presidente Spacca dopo la decisione del Governo di non cambiare nulla sui confini delle nuove Province tipo: “è andata come doveva andare” e “noi in Consiglio Regionale abbiamo reso omaggio alla Provincia di Macerata che è nata con il risorgimento“ assumono la caratteristica di una grande presa in giro, un “contentino” formale alla formula UDC – PD, una ”carezza del sovrano ai sudditi”; lei invece di accontentarsi del “buffetto di Spacca sulla sua guancia” avrebbe dovuto pretendere da Spacca stesso una convinta azione sul Governo (non dimentichiamolo che Spacca si è rifiutato di fare ricorsi alla Corte assicurando di credere più su di una “azione politica” sul Governo che, però,non ha più e mai messo in atto). Ora è realisticamente difficile aspettarsi cambiamenti in parlamento lei lo sa bene che tutti i nostri parlamentari sono divisi in ragione del loro territorio (almeno quelli che sono marchigiani!) e questo anche nel resto d’Italia e ciò indurrà il Governo ad essere ancora più rigido!

Presidente Pettinari, le chiedo di aprire una trattativa forte con i suoi colleghi Presidenti di Fermo ed Ascoli, con la mobilitazione ed il sostegno dei Sindaci Maceratesi per cominciare a parlare della organizzazione e della sede dei servizi che è quanto di più interessa ai cittadini; tale tavolo di trattativa può essere decisivo qualora ci fosse ancora uno “spiraglio” per decidere sul territorio, e non da Roma, dove e come può essere individuato ed organizzato il Capoluogo della Provincia. Convinca quei Sindaci che si sono detti pronti a trasmigrare con la Provincia di Ancona, che tali dichiarazioni ora indeboliscono il territorio maceratese, e se lo dovessero fare dopo non ne avranno grandi vantaggi (forse l’Ospedale di Cingoli è agevolato dall’appartenere all’Area Vasta di Ancona?). L’attuale Disegno di Legge, se non sarà cambiato, prevede che dal 1° gennaio 2013 la sua Giunta sarà azzerata e che lei potrà scegliere nel Consiglio Provinciale n. 3 Consiglieri che, con lei, formeranno un “esecutivo” ristretto.  Si impegni fin d’ora ad assicurare che tale esecutivo sia unitario e paritario tra Centro Destra e Centro Sinistra. Sarebbe un suo gesto ed un messaggio forte di unità operativa ed istituzionale a tutela del nostro territorio. Per ora con la sua maggioranza politica abbiamo ricevuto solo “ un buffetto sulla guancia”!”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X