“Avevo un biglietto e il posto prenotato
ma volevano lasciarmi a piedi”

Odissea per i passeggeri del pullman da Civitanova a Milano. Intervenuta anche la Polizia Stradale
- caricamento letture

baltourMomenti di tensione ieri pomeriggio a Civitanova alla fermata dei pullman della Baltour per Milano: le proteste dei passeggeri che rischiavano di rimanere a terra, infatti, hanno richiesto l’intervento dei carabinieri di Civitanova e della Polizia Stradale di Porto San Giorgio. Ci racconta l’accaduto la nostra lettrice Giovanna Coppari: «Ieri pomeriggio – spiega – ho accompagnato mia cognata alla fermata dell’autobus intorno alle 15. La partenza era fissata alle 15,15 e c’erano già molte persone in attesa con biglietto già pagato ben 47 euro e posto prenotato. All’arrivo dei due pullman però ci aspettava una sorpresa. I posti non bastavano per tutti e ben 14 persone rischiavano di rimanere a terra, tra queste anche chi aveva già un aereo o un autobus per l’estero in partenza da Milano. Abbiamo chiesto spiegazioni agli autisti che però ci hanno rinviato ad uno pseudo responsabile il quale però è rimasto a lungo al telefono tenendoci a debita distanza». I passeggeri, a questo punto, hanno chiamato il numero verde e hanno cercato di saperne di più finchè il responsabile ha chiesto loro se sarebbero stati disposti a fare il viaggio in piedi.
«A quel punto – racconta Giovanna Coppari –  abbiamo detto di no visto che sono ben 6 ore di viaggio. Allora ci hanno detto che sarebbe arrivato un altro pullman e quelli già pieni volevano partire ma non glielo abbiamo permesso e abbiamo chiamato i Carabinieri i quali però non hanno riscontrato problematiche tali da richiedere il loro intervento. Poi però è arrivata una pattuglia della Polizia Stradale che ha chiesto chiarimenti ».

La situazione si è risolta dopo ben 3 ore: «Finalmente alle 18,15 – va avanti la nostra lettrice – è arrivato un pullman aggiuntivo e sono saliti tutti. Mia cognata mi ha raccontato di essere arrivata dopo la mezzanotte e tra l’altro l’autobus ha fatto diverse fermate a Ancona, Pesaro e Rimini e a tutte sono salite molte persone quindi posti in più erano necessari anche se poi a Bologna molti sono scesi e i restanti passeggeri sono stati riuniti su due mezzi. L’idea che ci siamo fatti, comunque, è che l’azienda, pur avendo i posti prenotati quindi sapendo bene quanti passeggeri sarebbero saliti, ha tentato di risparmiare e per di più con noi il personale è stato molto scortese» .



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =