Pieroni: “L’unico obiettivo della Giunta è raggiungere il benessere della città”

Prosegue la polemica sull'Informagiovani di Tolentino. L'assessore ai Servizi Sociali rassicura le opposizioni
- caricamento letture
1-pieroni

L’assessore Stefano Pieroni

Da Stefano Pieroni, assessore ai Servizi Sociali del Comune di Tolentino, riceviamo:

Ringrazio il Consigliere Comunale del Pd, avvocato Marco Romagnoli, per le espressioni personali di stima nei miei confronti, che mi onorano e che cercherò di far in modo che possano ripetersi in futuro. Ciò tuttavia non mi esime dal dover effettuare alcune puntualizzazioni in merito al suo intervento su Cronache Maceratesi del 18 agosto scorso (leggi l’articolo), avente per oggetto l’affidamento alla Modavi-onlus del servizio Informagiovani a Tolentino.

Il consigliere Romagnoli definisce questa operazione come il pagamento di una “cambiale” ad alcuni sostenitori politici del neo-Sindaco Pezzanesi; inoltre lamenta il fatto che non sia stato dato spazio ai giovani di Tolentino in cerca di occupazione i quali avrebbero potuto trovare una forma di collocamento nel servizio Informagiovani, ed inoltre afferma che il GLATAD in questi anni ha ben operato ed è stato poi estromesso per motivi partitici. Da ultimo esprime una forte preoccupazione perché il MODAVI è una Associazione di Volontariato sociale sostenuta politicamente dall’attuale Sindaco di Roma Alemanno.

Con ordine: per quanto riguarda la “cambiale” politica, è fin troppo evidente che un cambiamento nella gestione del servizio in oggetto possa essere interpretato come tale dall’opposizione. Ma, a questo punto, mi viene spontaneo chiedere al Consigliere Romagnoli se, per caso, i precedenti 10 anni di ininterrotta, ed a quanto pare indiscussa, presenza del GLATAD nel servizio Informagiovani non siano stati una “cambiale” politica (o partitica come egli stesso afferma) di senso opposto, visto che, tra l’altro, non mi risulta che l’operato dell’Associazione sia mai stato oggetto di consuntivo o di valutazione. Beninteso, qualcosa di buono la GLATAD avrà senz’altro fatto, ma è anche possibile che una nuova amministrazione osservi con nuovo senso critico la questione e che soprattutto possa non essere del tutto d’accordo con la precedente: questo significa pagare una cambiale politica? Quindi, se avessimo lasciato ogni cosa al suo posto avremmo fatto bene, invece in caso contrario si tratta di una “cambiale” politica? Oltretutto osservo che trapela, nell’articolo del Consigliere Romagnoli, una specie di “grido di allarme” per un presunto attacco alla vita Democratica della nostra Città; ma il Consigliere sa benissimo che così non è, che in un momento come quello che stiamo vivendo la “verità assoluta” non sta né a destra né a sinistra ma solo nella sintesi di atteggiamenti propositivi, e che agitare certi “spettri” del passato ormai ha solo un significato demagogico. Il consigliere Romagnoli può stare tranquillo in quanto il Sindaco e la Giunta non sono ispirati ad alcun modello politico precostituito, ma semmai al solo obiettivo di raggiungere il benessere della città, come anche dimostrato dalla scorsa vincente campagna elettorale; corollario di ciò è che se i risultati di questa nuova esperienza, dopo un congruo periodo di valutazione, non saranno coerenti con le aspettative la convenzione potrà non essere rinnovata.

Per quanto riguarda il fatto di aver negato delle opportunità ai giovani di Tolentino in cerca di occupazione, vorrei osservare che l’Informagiovani non è un servizio primariamente volto a far fronte alla crisi occupazionale giovanile, vuoi per le limitate risorse di cui esso dispone, vuoi, e soprattutto, per la vocazione che esso dovrebbe avere, che è quella di fornire un panorama qualificato e completo delle risorse e delle iniziative che possono interessare un giovane in cerca di occupazione, con un occhio sempre aperto alla valutazione del disagio e della dipendenza.

In questo contesto, il legame con l’Eurodeputato Scurria che da molti anni è attivo in questo particolare settore, se da una parte viene così sprezzantemente liquidato dal Consigliere Romagnoli, a nostro avviso è da considerare invece come una importante opportunità per i giovani della nostra Città che potrebbero meglio conoscere e valutare tutto ciò che, anche in ambito Europeo, sta maturando per il mondo dei giovani.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X