Sferisterio, botteghino a quasi 900mila euro

MACERATA OPERA FESTIVAL - Ancora in crescita le presenze di pubblico. Nell’ultimo fine settimana registrati 6100 ingressi. Domani sera al Lauro Rossi va in scena lo spettacolo per l'infanzia "Il Flauto Magico Tascabile". Rush finale per Aperitivi culturali
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

traviata1-1024x610

Lo Sferisterio durante la Traviata degli specchi (foto Tabocchini)

 

 Ulteriore crescita per il botteghino dello Sferisterio. Il terzo fine settimana di recite registra un nuovo incremento di presenze ed incassi, contando 6100 persone per un totale di 297mila euro.
Dopo nove rappresentazioni complessive dal 20 luglio, giorno del debutto del Festival, le presenze in Arena sono state dunque 16.732: 4932 persone hanno assistito alle prime, 5700 sono stati gli ingressi del secondo fine settimana fino ad arrivare ai 6100 della terza tripletta. Il botteghino si dirige verso i novecentomila euro, 857mila per l’esattezza.
La crescita di affluenza allo Sferisterio testimonia l’interesse verso le tre opere messe in scena: La Traviata, la Bohème e Carmen in un giusto mix tra tradizione ed innovazione che fa fede al titolo della stagione: “Allievi e Maestri”. Complice il passaparola e le buone recensioni anche a livello nazionale, i titoli stanno riscuotendo un notevole successo ed anche il prossimo fine settimana si annuncia positivo.
Per i melomani, i curiosi, i visitatori ed i maceratesi c’è ancora la possibilità di prendere parte a questa splendida stagione lirica con le ultime tre recite in programma il 10,11 e 12 agosto.

Le recensioni di Maria Stefania Gelsomini:

La Traviata 

La Bohème 

Carmen 

boheme-31

Grande successo per la Bohème di Muscato. Pienone anche per la terza recita andata in scena ieri sera (foto Tabocchini)

Intanto domani (7 agosto) riparte la programmazione del Festival Off. Alle 20 va in scena al teatro Lauro Rossi il Flauto Magico Tascabile, uno spettacolo per l’infanzia concepito dal direttore artistico Francesco Micheli insieme a Felice e Francesco Venanzoni. Con la partecipazione dei tre cantanti Yulia Poleshchuk, Stefano Ferrari e Alessandro Battiato, di Felice Venanzoni al pianoforte, e Stella Barbera al flauto, la rappresentazione rivela la sorprendente modernità e attualità del linguaggio di Mozart, con il supporto di proiezioni video a cura di Francesco Venanzoni. “Vorremmo raccontare il Flauto Magico come il lungo sogno di un prodigioso bambino – afferma Francesco Micheli – che lotta tra la vita e la morte, il bene e il male, il buio e la luce”. La serata, resa possibile dalla sensibilità di Confartigianato Macerata e Clementoni, è ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria presso la biglietteria di Piazza Mazzini. In caso di esaurimento posti, lista d’attesa presso il teatro Lauro Rossi a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.
Alle 22 segue a palazzo Conventati l’ultimo appuntamento di Opera Pop, sostenuto dal Gruppo Gabrielli, questa volta dedicato alla Carmen. Condotto dal musicologo Cristiano Veroli, dopo l’anticipazione di maggio al cineteatro Italia, ha come titolo da Bizet a Brel. Ingresso libero.

alice-small

Alice Rohrwacher

– RUSH FINALE PER GLI APERTIVI CULTURALI  organizzati dall’associazione Sferisterio Cultura con il sostegno del Festival Off di Macerata Opera Festival e del Comune di Macerata.
Da giovedì 9 a domenica 12 agosto, come di consueto, alle ore 12, agli Antichi forni si rinnovano le contaminazioni culturali legate alle tre opere del Macerata Opera Festival.
Giovedì un doppio appuntamento: alle 12 al centro della conferenza la mostra in corso a palazzo Buonaccorsi Violetta, Carmen, Mimì. Percorsi al femminile dallo Sfersierio ai Musei civici di Macerata con la curatrice Francesca Coltrinari e l’assessore Federica Curzi, declinata  in musica con il soprano Mirella De vita. Alle 23 nel cortile di Palazzo Buonaccorsi, in occasione della Notte dell’Opera, è in programma il concerto che vedrà protagonisti i tre soprani  Mirella Di Vita, Jana Borkovà e Hanyng Tso con arie delle protagoniste femminili delle opere in cartellone, accompagnate al piano dal maestro Andrea Del Bianco. L’organizzazione è a cura della Associazione Musicale Salvadei che rinnova la collaborazione con Sferisterio Cultura e gli Aperitivi Culturali.
Venerdì 10 agosto un’ospite di eccezione. Si tratta di Alice Rohrwacher sceneggiatrice e regista – Nastro d’argento 2011 per il miglior regista esordiente con il film Corpo Celeste – che riannoderà i fili della presenza dei Figli di Boemia nelle tre opere in cartellone: Carmen è una Gitana, i bohemiens  fanno vita da zingari, le zingarelle della Traviata predicono il futuro.
Il giorno seguente, 11 agosto, con la filosofa Monia Andreani, dell’Università di Urbino, si parlerà della voce femminile, dalle muse ai soprani, passando per le sirene. Alla donna è stato per tanto tempo vietato l’uso della parola in pubblico, ma mai il canto. Domenica 12 agosto  Francesco Micheli, che ha avuto da poco rinnovato per tre anni il contratto di direttore artistico chiuderà, come tradizione vuole, gli Aperitivi Culturali per un bilancio della stagione e per lanciare il cartellone del 2012.

mimì

Una scena della Bohème di ieri sera (foto di Lucrezia Benfatto)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X