Dentro una busta minacce e due proiettili
Sotto tiro il sindaco di Tolentino

Sulla porta di casa di un simpatizzante del nuovo primo cittadino è stato lasciato un involucro con due cartucce per la caccia al cinghiale. Gli investigatori tendono ad escludere il movente politico
- caricamento letture
pezzanesi-1-300x226

Il sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi

Una busta con dentro due proiettili e un foglio di carta con scritto “uno è per te e l’altro per il sindaco”: è questo l’inquietante episodio che si è verificato nei giorni scorsi a Tolentino e che vede suo malgrado protagonista un uomo di 45 anni del posto. Venerdì, quando è rientrato a casa, di fronte alla porta ha trovato questo involucro. Lo ha aperto e dentro ha trovato il foglio scritto a penna e i due grossi proiettili di quelli normalmente usati per la caccia al cinghiale. Sul foglio c’erano diverse minacce alla sua persona e il riferimento al sindaco Giuseppe Pezzanesi, per il quale l’uomo non ha mai nascosto le sue simpatie e che ha sostenuto nella recente campagna elettorale. L’episodio aveva avuto un’avvisaglia qualche giorno prima, quando, sempre di fronte alla porta di casa, era stata lasciata un’altra busta contenente in questo caso solo un foglio, scritto con un pennarello nero, nel quale però non c’erano riferimenti al sindaco ma solo minacce alla sua persona. Il fatto è reso ancora più preoccupante dalle modalità con cui è stato recapitato. Chi ha voluto, infatti, minacciare l’uomo non si è limitato a lasciare le buste sul pianerottolo esterno dell’abitazione, ma si è spinto fino alla porta di casa, quasi a voler dimostrare che se vuole può avvicinarsi in qualsiasi momento alla sua vittima. Inevitabilmente, dopo aver ricevuto la seconda missiva contenente i proiettili, è stata sporta regolare denuncia presso la locale caserma dei carabinieri. Gli inquirenti sarebbero portati ad escludere che le minacce possano avere un movente politico,  mentre si starebbe vagliando la vita privata dell’uomo per verificare se possa esserci qualcuno che, per qualsiasi motivo, abbia motivi di risentimento tali da spingerlo fino a questo tipo di minacce. A vergare le minacce è stata, comunque, una mano maschile.

(r. s.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X