2011, Odissea nella crisi
Le aziende non investono più

ECONOMIA - L'osservatorio della CNA tratteggia un quadro pessimo per artigiani e piccole-medie imprese: diminuiscono produzione, margini di guadagno e fatturato. Dilagante l'inefficienza produttiva, pesano la stretta sul credito ed il carico fiscale. Tendenza ancora più cupa per il 2012
- caricamento letture
Luciano-Ramadori-Maurizio-Tritarelli-Giovanni-Dini

Luciano Ramadori, vice direttore della CNA provinciale, Maurizio Tritarelli, CNA Macerata, Giovanni Dini, responsabile del centro studi CNA Marche

 

di Filippo Ciccarelli

Sono passati tre anni dallo scoppio della crisi globale, partita come un tumore originato dalle cellule di una finanza sregolata e impazzita e che ha finito per attaccare, con metastasi estese, gli altri tessuti dell’economia reale e della società. E ancora non si vede la fine del tunnel, mentre con cadenza quotidiana si moltiplicano gli allarmi di tensione sociale, l’inflazione aumenta e la produzione diminuisce, riportando il Bel Paese ad una situazione simile a quella degli anni ’70-’80.
La crisi morde, ma ad essere colpita non è solo la produzione della grande industria: anzi, nell’Italia dove si discute giorno e notte dell’articolo 18, c’è un 95% di imprese che a quell’articolo non sono interessate, per via delle loro dimensioni ridotte. Eppure, sono il tessuto del Paese, e più che mai della nostra realtà, in una provincia che ha saputo fare del “piccolo è bello” un modello di crescita e sviluppo, almeno fino ad ora.
I dati diffusi dal Barometro della CNA di Macerata, un osservatorio che analizza la situazione su un campione di 100 piccole e medie imprese, oltre a quelle artigiane, non sono confortanti. Non sono ancora i tempi di uno su mille che ce la fa, come canta Morandi, ma a fine 2011 solamente il 25% delle imprese esaminate è riuscita ad aumentare la produzione, mentre il 35% l’ha diminuita, e il 40% se l’è vista con la stagnazione. Un quadro cupo, che è destinato a peggiorare, secondo la CNA, nel 2012. Spiega Giovanni Dini, responsabile del centro studi CNA Marche: “Nel 2012 le previsioni sono negative, ci aspettiamo che solo il 20% delle aziende, e cioè 1 su 5, possa aumentare la produzione. Il 37.5% peggiorerà le proprie perfomance, mentre poco più del 42% avrà una produzione su livelli di stagnazione. Un altro dato allarmante” prosegue Dini “è quello relativo agli investimenti. Solo il 20% delle imprese analizzate in provincia di Macerata investono, e questa quota è destinata ad abbassarsi ulteriormente nel corso del 2012”.

Maurizio-Tritarelli-Giovanni-Dini

Maurizio Tritarelli e Giovanni Dini

E se l’attività produttiva va male, il fatturato va peggio. In pratica le aziende, pur di mantenere le stesse quote di mercato, sono disposte a veder erosi i propri margini di profitto; non va meglio guardando all’efficienza produttiva, perché “solo il 17% delle imprese lavora impiegando tutta la capacitò produttiva che può utilizzare. Il 13% lavora con meno di 1/3 delle capacità a disposizione” conclude Dini. I settori più colpiti nel 2011 sono stati quelli del terziario, cioè dei servizi, ma anche dell’impiantistica e quello delle costruzioni edili, che ha fatto registrare una diminuzione delle attività per il 33% delle imprese. E se nel secondo trimestre del 2011 il settore manifatturiero ha tenuto (saldo positivo del 16.7%), nel 2012 è atteso un crollo anche per questo comparto.
Anche banche e governo contribuiscono ad appesantire una situazione poco sostenibile: “Il carico fiscale è un problema, insieme agli altri oneri che dobbiamo affrontare” spiega Maurizio Tritarelli, della CNA provinciale “oltre a questo c’è l’incertezza riguardo all’Imu; non conosciamo le aliquote, non sappiamo come fare i conteggi, perché non lo sanno nemmeno a Roma. La stretta del credito e le difficoltà all’accesso sono un ulteriore problema per tante imprese. Nel settore dei servizi, poi, si registra un allarmante fenomeno di abusivismo, che rappresenta quasi il 40% delle concorrenze sleali. In questo campo abbiamo trovato irregolarità soprattutto nel campo delle acconciature e dell’estetica”.

Alfredo-Santarelli-CNA-Macerata

Alfredo Santarelli, direttore provinciale CNA

Alfredo Santarelli e Luciano Ramadori, rispettivamente direttore e vicedirettore della CNA provinciale, sottolineano il ruolo degli istituti di credito. “Le banche hanno ricevuto dall’Europa circa 250 miliardi, con un tasso dell’1%. Invece di reinvestirli sul territorio e di facilitare l’accesso al credito, in molti casi hanno comprato titoli di stato con rendimenti intorno al 4%” osserva Santarelli “serve uno scatto d’orgoglio e progetti comuni per il futuro del Paese. Dobbiamo ridurre il costo del lavoro, migliorare la situazione del credito, e modificare la realtà di oggi, che è difficile. Molte imprese chiudono, e i giovani non ne aprono di nuove”. Alla luce della situazione creditizia, osservano dalla CNA, è fondamentale il sostegno finanziario di Fidimpresa e la creazione delle Reti di impresa che mettono insieme diversi professionisti e professionalità.
Una ricetta per sopravvivere alla crisi è quella di spostare la propria presenza dal mercato interno a quello internazionale, tanto più che le aziende che riescono a vendere all’estero ottengono risultati sensibilmente migliori in poco tempo. “Ma l’export della regione Marche, pur aumentato in termini relativi, è diminuito rispetto alla quota complessiva, quindi abbiamo perso e stiamo perdendo competitività” avvertono Tritarelli e Dini “osserviamo che le nostre imprese sanno andare poco all’estero. Bisogna disinvestire su un certo modo di stare sul mercato, e allocare risorse che possano permettere di competere fuori”.
Maurizio Tritarelli elogia anche il presidente della Provincia, Antonio Pettinari, per il tavolo istituzionale di confronto per cui lo stesso Pettinari si era impegnato: “Abbiamo avuto un paio d’incontri positivi, in futuro ce ne saranno altri. La vicinanza delle istituzioni è molto importante in un momento come questo”. 

 

Nella tabella sottostante la situazione in provincia secondo il centro studi CNA

COME E’ANDATO IL 2°SEMESTRE 2011
attività produttiva (quote di imprese per situazione – dinamiche tendenziali)  

Aumento Stazion. Diminuzione saldo tot.
manifatture 40,0 36,7 23,3 16,7 100,0
terziario 17,4 34,8 47,8 -30,4 100,0
impianti 11,1 44,4 44,4 -33,3 100,0
costruzioni 0,0 66,7 33,3 -33,3 100,0
totale 25,0 39,7 35,3 -10,3 100,0


Fatturato (quote di imprese per situazione – dinamiche tendenziali)

Aumento Stazion. Diminuzione saldo tot.
manifatture 36,7 36,7 26,7 10,0 100,0
terziario 13,0 26,1 60,9 -47,8 100,0
impianti 22,2 11,1 66,7 -44,4 100,0
costruzioni 0,0 33,3 66,7 -66,7 100,0
totale 23,5 29,4 47,1 -23,5 100,0

COME ANDRA’ IL 1° SEMESTRE 2012
attività produttiva (quote di imprese per situazione)

Aumento Stazion. Diminuzione saldo tot.
manifatture 26,7 30,0 43,3 -16,7 100,0
terziario 15,8 57,9 26,3 -10,5 100,0
impianti 11,1 55,6 33,3 -22,2 100,0
costruzioni 16,7 33,3 50,0 -33,3 100,0
totale 20,3 42,2 37,5 -17,2 100,0


Fatturato (quote di imprese per situazione)

Aumento Stazion. Diminuzione saldo tot.
manifatture 23,3 30,0 46,7 -23,3 100,0
terziario 19,0 47,6 33,3 -14,3 100,0
impianti 22,2 33,3 44,4 -22,2 100,0
costruzioni 16,7 33,3 50,0 -33,3 100,0
totale 21,2 36,4 42,4 -21,2 100,0




© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X