La Civitanovese prepara i colpi
Bugiolacchi e Gandelli

SERIE D - La società non lascia trapelare nulla, dopo la gara con il Teramo l'ufficializzazione dei nuovi arrivi. Previsti anche altri innesti
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
morganti_gabriele

L'allenatore della Civitanovese Gabriele Morganti

di Emanuele Trementozzi

Sebbene manchi ancora l’ufficialità da parte dei dirigenti rossoblù, possono definirsi certi gli acquisti da parte della Civitanovese del bomber ex Elpidiense Bugiolacchi e del forte terzino destro, ex Ascoli, Matteo Gandelli. Il massimo riserbo societario in merito non può nascondere il fatto che Bugiolacchi sia stato avvistato giorni fa al Polisportivo e che la rescissione con l’ex squadra sia seguita alle trattative, andate a buon fine, con i dirigenti civitanovesi. Stesso discorso per il terzino destro Matteo Gandelli, soffiato in extremis all’Ancona e pronto ad abbracciare la causa rossoblù. Si dà per certo che la presentazione e l’ufficialità sia rimandata al dopo gara con il Teramo e si vocifera di altri innesti, almeno 2 o 3, provenienti da categorie superiori. Sembra dunque in arrivo la bomba di mercato civitanovese, che restituirebbe entusiasmo ai tifosi e rilancerebbe l’ambizione play off della formazione di mister Morganti. Nel frattempo si avvicina l’incontro della Civitanovese contro la capolista Teramo e accade in un clima surreale che pervade la città.

campo-civitanova-neve

Queste le condizioni del campo della Civitanovese oggi pomeriggio (foto Vives)

L’unica certezza è che domenica contro la capolista Teramo (meteo permettendo) mister Morganti avrà a disposizione in attacco il solo Lazzarini, che sicuramente sarà sostenuto da Noschese. Per il resto reparto offensivo falcidiato con la partenza di Palumbo e l’infortunio accorso a Buonaventura che si opera a giorni e tornerà a piena disposizione a marzo. Mancherà ancora capitan Marotta, che sconta l’ultima delle due giornate di squalifica e anche Bordi, ammonito a Forlì e in diffida. Dovrebbe toccare ancora a Genoese e Serantoni così come in terra romagnola, con mister Morganti ieri costretto ad annullare la sessione di allenamento causa neve e che ancora non riesce a sostenere una settimana completa di allenamento con i nuovi ragazzi. Detto questo, sedici punti dividono le due formazioni, con la capolista Teramo detentrice del migliore attacco con 31 reti messe a segno e con due sole gare al passivo su 18 giocate. Numeri che testimoniano la forza della formazione abruzzese che portando a casa almeno un punto si laurerebbe campione d’inverno. Rossoblù invece in cerca di punti e morale, con l’apporto dei tifosi che nonostante tutto non mancherà, sebbene questo silenzio non alimenti la loro già immutata passione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X