Civitanovese, per mister Morganti
esordio nella tana del Forlì

I rossoblù sono chiamati al riscatto. Mancheranno gli squalificati Tidei e Marotta
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
gabriele-morganti

Il tecnico della Civitanovese Gabriele Morganti

di Emanuele Trementozzi

Ci avviciniamo al giro di boa del campionato di Serie D, con il Teramo che potrebbe già domani laurearsi campione d’inverno e si avvicina anche il giorno dell’esordio del nuovo tecnico civitanovese Morganti, subentrato giovedì al posto dell’esonerato Paciotti. Grande attesa dunque per questo cambio alla guida tecnica, sebbene il nuovo mister abbia avuto davvero poco tempo per abbozzare una qualsiasi controffensiva da contrapporre al quasi certo 3-4-3 del Forlì. Mancheranno con certezza Tidei e Marotta; con il primo recidivo in ammonizione e che salterà solamente la trasferta in terra romagnola, mentre il capitano appiedato dal Giudice sportivo per due turni a causa del plauso polemico rivolto al direttore di gara negli ultimi minuti contro l’Angolana. Il clima in città è bollente, con gli strascichi della contestazione di mercoledì e del susseguente esonero del vecchio allenatore e con le reazioni contrastanti all’annuncio del nuovo tecnico. Favorevoli e contrari come sempre si fronteggiano, ma l’unica certezza di cui ha bisogno la squadra adesso è quella di essere sostenuta e aiutata ad uscire da questo periodo nerissimo. Per i romagnoli mancherà lo squalificato Martini, difensore e sarà l’occasione per invertire la rotta casalinga. Infatti il Forlì spesso e volentieri è stato espugnato sul campo amico dalle avversarie e non tutte di alta classifica, per cui gli stessi civitanovesi sono chiamati a incrementare le due sole vittorie in trasferta ottenute finora. I locali vantano attualmente 25 punti in classifica, due in più dei rossoblu e occupano la settima posizione mentre i ragazzi di mister Morganti hanno lasciato lo scettro di miglior difesa al Santarcangelo e devono registrare alcuni meccanismi che sembravano limati alla perfezione con le ultime 6 reti in tre gare disputate che hanno rimesso tutto in discussione. C’è da dire che comunque Morganti ha potuto provare davvero poco dal suo arrivo. Primo allenamento ieri e oggi rifinitura, giusto il tempo di lavorare sulla psicologia dei ragazzi tralasciando tattica e tecnica che in soli due giorni è impossibile inculcare puntando maggiormente sull’attaccamento ai colori e sulla voglia di riscatto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X