“Firmare per il pari? Mai”
Pierantoni vuole vincere ad Ancona

VERSO LA SFIDA AL "DEL CONERO" - Il tecnico biancorosso: "Questo peregrinare ci dà molto fastidio"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
mister-Pierantoni-3-300x216

L'allenatore della Maceratese Gilberto Pierantoni

di Andrea Busiello

Dopo la sconfitta casalinga di domenica contro l’Elpidiense Cascinare la Maceratese cerca il riscatto nella prossima gara in casa della corazzata Ancona. Una partita dove la posta in palio comincia ad avere il suo peso specifico e dove i biancorossi ospiti cercheranno di vender cara la pelle. La sfida, per motivi di ordine pubblico, verrà giocata allo stadio Del Conero. In vista di questo match abbiamo ascoltato la voce di mister Gilberto Pierantoni, che si mostra fiducioso verso un risultato positivo pur consapevole della valenza dell’avversario.

Mister Pierantoni, digerita la sconfitta con l’Elpidiense?

“Mah, diciamo di si. La cosa che dispiace è che fino ai due errori commessi avevamo disputato una buona prova, poi è ovvio che se lasci spazio ad una squadra come l’Elpidiense non ti perdona. Dispiace aver perso in questo modo, ma il calcio è anche questo. Dobbiamo voltare pagina e pensare all’Ancona”.

Avversario più scomodo per riscattarsi non si poteva affrontare…

“Si, l’Ancona a mio avviso è partita per fare un campionato a parte. Hanno praticamente due squadre di livello altissimo, sono in Eccellenza solo di passaggio”.

L’Ancona è senza dubbio la corazzata del girone. Dove eccellono Argiolas e soci?

“Un pò dappertutto. Mi sembrerebbe riduttivo parlare di un giocatore rispetto ad un altro, sappiamo che affronteremo una grandissima squadra per la categoria. I ragazzi in settimana li ho visti bene e sono fiducioso verso questa sfida”.

Mister, sia sincero: firmerebbe per un pari alla vigilia?

“No, mai. Noi andiamo ad Ancona per vincere poi è ovvio che si vedrà come si metterà la partita. Ma in partenza non andiamo ad Ancona per accontentarci del pareggio”.

Quanto è pesante questo continuo peregrinare tra i campi della città per allenarsi?

“Ci dà tanto fastidio ma la situazione è questa e dobbiamo adeguarci. E’ ovvio che noi vorremmo allenarci all’Helvia Recina per sentirlo nostro come campo”.

Dopo sette giornate di campionato è una Maceratese che è in zona play off: l’obiettivo rimane quello di acciuffare una delle prime cinque posizioni alla fine dell’anno?

“Si, l’obiettivo resta quello anche se in questo momento la priorità è migliorare. Abbiamo ancora troppe amnesie per il mio modo di vedere il calcio”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X