Rapinato a casa di una prostituta:
arrestato un albanese

MACERATA - Tenta anche l'estorsione ai danni di un giovane
- caricamento letture

prostituta

Ieri si è presentato in Questura un giovane di 25 anni residente in provincia di Macerata per formalizzare una denuncia relativa a quanto accadutogli alcuni giorni fa, allorchè navigando su internet, si era imbattuto in un sito di incontri recante il seguente annuncio “Bellissima ragazza cerca amico italiano”. Incuriosito dalla situazione il giovane ha chiamato quel numero, ottenendo risposta da parte di una voce femminile che lo ha invitato nella propria abitazione, a Macerata.

Dopo qualche giorno il giovane richiama, decidendosi a prendere un appuntamento con la sconosciuta.

Arrivato sul posto è stato ricevuto da una donna di colore, che altro non era che una prostituta, presentatasi indossando solamente la biancheria intima. Lei lo inviata ad entrare ma il ragazzo non aspettandosi un incontro del genere – almeno questo è quello che ha raccontato in Questura – decide di andarsene subito.

Piuttosto alterata, la donna lo apostrofa a male parole, dicendo che doveva essere pagata ugualmente per il tempo che aveva perso e, di conseguenza, per i mancati clienti. Il giovane insiste dicendo di non essere in cerca di prostitute e si allontana; a questo punto la donna chiama ad alta voce il nome di un uomo e di li a poco arriva un giovane che si scaglia contro il “cliente incosapevole”, colpendolo ripetutamente con calci e pugni. Non soddisfatto, lo minaccia di morte estraendo dalla tasca dei pantaloni un coltello a scatto, intimando al giovane di consegnagli il denaro richiesto, 100 euro, sferrandogli un fendente in direzione dell’addome che la vittima, riesce a parare, rimanendo tuttavia, ferito alla mano. Impaurito il giovane cerca di calmare il suo aggressore dicendogli che gli avrebbe dato tutto quello che aveva in tasca, ovvero alcune decine di euro.

Lo straniero chiede però l’ulteriore somma di 100 euro, da consegnargli all’indomani direttamente nella cassetta della posta della sua casa, lasciando così allontanare il ragazzo, non prima, di averlo nuovamente minacciato e averne rilevato il numero di targa della sua auto.

Nel pomeriggio di ieri la vittima della rapina  si presenta in Questura riferendo di aver ricevuto una chiamata e un sms da parte dello straniero,  in cui vi erano esplicite richieste di denaro, arricchite da pesanti minacce. Successivamente il giovane contatta il cellullare dell’uomo, il quale minacciandolo, lo invita a pagare entro la serata quanto richiesto; il ragazzo fissa quindi con lo straniero un incontro nei pressi di un bar.

Effettivamente dopo alcuni minuti di attesa l’uomo giunge sul posto per ricevere la somma dal giovane trovando però ad attenderlo gli agenti della Squadra Mobile che hanno così proceduto al suo arresto per il reato di estorsione. L’albanese è stato deferito all’A.G. anche per il reato di rapina.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =