Pensare Macerata propone
l’urbanistica partecipata

Consegnato al Sindaco e alla Giunta un promemoria amministrativo
- caricamento letture

PensareMacerata

Dall’Associazione Pensare Macerata riceviamo e pubblichiamo:

Dopo la pausa estiva, riprendono i lavori anche nell’Associazione Pensare Macerata, con l’assemblea di settembre, durante la quale si sono discussi i temi che hanno contribuito a formare il programma elettorale dell’attuale amministrazione, con l’intento di stimolare l’Amministrazione Comunale ad aprire finalmente il Programma di governo e di cominciare ad affrontare i suoi punti più qualificanti.

Pensare Macerata ha consegnato al Sindaco e alla Giunta una sorta di promemoria amministrativo che riassume, secondo l’Associazione, il senso della nuova storia ed un cambio di passo rispetto ai primi faticosi mesi trascorsi.

Indispensabile è  da sempre, per Pensare Macerata, il coinvolgimento diretto della cittadinanza maceratese nell’amministrazione della città, da attuare con gli strumenti descritti nel Programma di maggioranza: Giunte Itineranti, Stati Generali della Città, comunicazione efficace degli atti amministrativi rilevanti per la vita in Città.

Altra priorità  è la definizione di una strategia di coordinamento armonico di tutte le offerte di tipo culturale della città, al fine di coinvolgere le attività commerciali ed i cittadini che possono da un lato contribuire alla produzione di attività culturali e turistiche, dall’altro usufruire delle stesse in modo diretto.

Durante l’assemblea è emersa anche la necessità di proporre all’amministrazione comunale una rivisitazione della filosofia edilizia e di mobilità della città e la necessità di un progetto che miri alla rivitalizzazione del Centro Storico di Macerata. Proponiamo il metodo dell’urban center, ovvero dell’urbanistica partecipata allo scopo di disegnare insieme ai cittadini lo sviluppo urbanistico di Macerata, prevenendo conflitti tra istituzioni e cittadinanza.

Chiediamo anche di risolvere alcune questioni annose, fra tutte quella del polo natatorio di Fontescodella, che i maceratesi aspettano da anni, troppi anni.

Chiediamo infine la massima trasparenza nella gestione delle “cose pubbliche” che sono vanto ma anche sofferenza per la Città: Sferisterio, Musicultura, Smea, Apm.

Siamo convinti delle potenzialità di questa nuova Amministrazione che deve terminare il proprio rodaggio tra le incertezze di un panorama economico generale a dir poco fosco e dare un forte impulso alla propria attività  secondo le linee programmatiche presentate agli elettori, ora trasformati in cittadini con esigenze da soddisfare.

Associazione Pensare Macerata



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X