“Finalmente a Macerata
i cittadini possono essere protagonisti
La Giorgini ne è l’esempio”

La lettera
- caricamento letture

maceratapanorama

Da Roberto Cherubini riceviamo:

Macerata è sempre stata una città tranquilla nella quale i cittadini hanno spesso “subito” le decisioni degli amministratori.

La delega ai soliti partiti politici ha miseramente fallito mettendo a nudo una realtà incontestabile: i nostri amministratori hanno rincorso gli interessi personali e molto meno il bene comune.

Una città armoniosa, immersa nel verde, che scorge da una parte il mare e dall’altro i Monti Sibillini, corre il serio rischio di perdere la sua migliore peculiarità: il paesaggio.

Varie zone della città, dalle quali era bellissimo scorgere il paesaggio, sono pesantemente compromesse a causa di un’urbanizzazione senza regole, senza un piano generale armonioso.

E’ una desolante realtà il fatto che se una forza politica maceratese (MaceraTiAmo) non avesse chiesto più volte ai candidati sindaci una “promessa programmatica” sulla variante urbanistica Giorgini (SUAP) probabilmente la stessa sarebbe passata in Comune all’oscuro dei più.

Nel caso specifico la mobilitazione cittadina ha raggiunto un risultato straordinario, trasformando coloro che avevano fatto promesse ai costruttori da “faccendieri” a convinti naturalisti!

Da bambino giocavo con “Ercolino sempre in piedi” che, riempito alla base con acqua, restava in piedi seppur sollecitato in ogni modo…ecco….i nostri rappresentanti “partitici” hanno questa grande capacità, che deve allarmarci, restano sempre in piedi cavalcando l’onda.

E’ evidente e forse superfluo dire che all’interno dei partiti ci sono tantissime persone in gamba, ma è altrettanto superfluo dire che spesso non hanno spazio o magari presentano progetti che nessuno legge.

Il ruolo della “cittadinanza attiva” è quindi fondamentale per orientare le scelte e non deve fermarsi ad un caso eclatante come quello della Giorgini, ma deve essere costante nel tempo.

Invito i cittadini a dare un segno importante della loro voglia di partecipare: il 12 ottobre sarà discussa in Comune la variante Giorgini ed una partecipazione di massa al consiglio comunale (tra le 16 e le 21) sarebbe un ottimo messaggio in tal senso.

Chi non dedica una piccola parte del suo tempo agli interessi di tutti, non ha, secondo me, il diritto di protestare se le cose vanno male.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X