Navi dei veleni: sit-in di 50 sindaci calabresi davanti Palazzo Chigi

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

navi veleni

ROMA (ANSA) – Cinquanta sindaci del Cosentino, la maggior parte della costa tirrenica, stanno protestando davanti a Palazzo Chigi per la cosiddetta ‘nave dei veleni’ affondata davanti a Cetraro, con il suo carico di rifiuti radioattivi, e per le altre imbarcazioni affondate nel mare di tutta la Calabria.

I parlamentari calabresi si sono detti pronti ad “occupare la Camera tutta la notte” nel caso in cui i sindaci non vengano ricevuti dal governo. I sindaci, che indossano la fascia tricolore, hanno inviato il governo a una formale diffida per chiedere la proclamazione dello stato di emergenza e un’azione incisiva, a sei settimane dall’individuazione della nave. Bisogna “spiegare al Paese di cosa si sta parlando quando si parla di questi rifiuti”, ha detto il sindaco di Diamante Ernesto Magorno.

“La situazione in Calabria – afferma il deputato del Pd Franco Laratta – è molto grave. Non c’é più tempo da perdere. Sono 40 giorni che il Governo non dà risposte e non si muove. Adesso basta”.

Nel frattempo è giunta notizia che domani il sottosegretario all’Ambiente, Roberto Menia, sarà a Cetraro per un sopralluogo. Menia ha incontrato i sindaci. Presente in piazza con i primi cittadini calabresi anche l’assessore all’Ambiente della Regione Silvio Greco, secondo il quale “una faccenda di questo tipo va affrontata in maniera più ampia, tra il ministero della Salute, dell’Ambiente e dell’Interno, e posta a livello di presidenza del Consiglio”.

Nel frattempo, la nave super tecnologica messa a disposizione dal ministero ha cominciato le sue attività. Sabato 24 ottobre ad Amantea, in provincia di Cosenza, è prevista una manifestazione nazionale per chiedere l’immediato impegno del governo per la bonifica dei siti contaminati dai rifiuti tossici e per il recupero delle navi affondate. Saranno presenti diverse associazioni e movimenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X