facebook twitter rss

Difesa della costa,
sopralluogo nei cantieri
delle scogliere

L'OPERA COSTERA' 15,6 milioni di euro. Oggi pomeriggio il governatore Ceriscioli ha controllato la situazione dei lavori. «Ad un anno dall’aggiudicazione dell’appalto possiamo costatare il buon avanzamento dell’opera»
giovedì 17 maggio 2018 - Ore 18:54 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Il sopralluogo

Difesa della costa, visita del governatore Luca Ceriscioli ai cantieri delle scogliere per proteggere Porto Recanati e Potenza Picena. Il sopralluogo in mare è avvenuto a bordo dell’imbarcazione del Provveditorato opere pubbliche per Toscana, Marche e Umbria, salpata dal porto di Civitanova e accompagnata da una motovedetta della Guardia costiera. «Ad un anno dall’aggiudicazione dell’appalto – ha detto Ceriscioli – possiamo costatare il buon avanzamento dei lavori in corso d’opera. Si tratta di un intervento importante reso possibile dal lavoro di squadra fatto tra Regione, Provveditorato, Rete ferroviaria italiana, commissario straordinario per il dissesto e comune di Porto Recanati.

Gli interventi si inseriscono in un accordo di programma che sta permettendo la realizzazione di una delle più importanti opere pubbliche a difesa della costa nella nostra Regione realizzata negli ultimi tempi, in un tratto particolarmente critico. Vengono messi in sicurezza gli arenili, con effetti benefici per il turismo balneare, le opere civili, viarie e ferroviarie». Al sopralluogo, che si è svolto nel pomeriggio, erano presenti anche l’assessore alla Difesa della costa Angelo Sciapichetti, rappresentanti e tecnici del Provveditorato opere pubbliche e della Regione. L’intervento di difesa della costa riguarda il paraggio dal fiume Potenza al fosso Pilocco (tra Porto Recanati e Potenza Picena). Il costo è di 15,26 milioni di euro (3 milioni sono finanziati dalla Regione mediante il Fondo europeo di sviluppo regionale, quattro milioni dal ministero delle Infrastrutture e trasporti, quattro da RFI e 4,21 dal Commissario straordinario per il dissesto idrogeologico). Il tratto di costa che riguarda l’opera è di tre chilometri. «L’intervento su questo tratto di litorale – ha detto Sciapichetti – era atteso da molto tempo. Finalmente dopo un lavoro in sinergia tra i diversi soggetti pubblici e privati coinvolti, sta diventando realtà un’opera di grande rilevanza per questo territorio e per la sua economia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X