facebook twitter rss

Al via il processo Traini,
l’ex insegnante: «Luca è un caso umano»
(Foto/Video)

MACERATA - Puntuale questa mattina il 29enne è arrivato in un tribunale blindatissimo: è imputato per strage e tentato omicidio per il raid del 3 febbraio. Presenti in aula tutti gli avvocati delle parti civili, 15 quelle che si sono costituite, 13 ammesse. Poi alcuni dei feriti: Muhammad Tourè, il più grave e l'amico che stava con lui Makam Diabj. La prof (VIDEO): «In terza media, mi disse "Io ammiro tanto Mussolini"»
mercoledì 9 maggio 2018 - Ore 09:27 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
L'arrivo in tribunale di Luca Traini

Luca Traini all’ingresso in tribunale

 

Puntuale alle 9 di questa mattina Luca Traini è arrivato in tribunale per il processo in cui è imputato per strage e tentato omicidio per il raid del 3 febbraio. Ci sono le parti civili, i ragazzi feriti dal lupo. C’è anche un rappresentante nazionale (Lorenzo Pellegrini) del Pd che intende costituirsi parte civile. Pochi i maceratesi presenti, i curiosi che vogliono assistere al processo.

Patrizia Meloni, ex insegnante di Luca Traini

C’è però una insegnante delle scuole medie di Luca Traini, Patrizia Meloni, che si è presentata in tribunale prima delle 8 per assistere all’udienza in cui è imputato il lupo per il raid razzista del 3 febbraio. «Voglio bene a Luca. Lo ricordo come un ragazzo d’oro. In Storia aveva 9 ma ricordo che a fine anno, in terza media, mi disse “Io ammiro tanto Mussolini”. Ho sentito il bisogno di venire questa mattina. Era generoso. Forse ha trovato solidarietà in questi “gruppacci”. Secondo me ancora non si rende conto di quello che ha fatto. Non sono qui per solidarietà ma perché vedo in Luca un caso umano». Presenti in aula tutti gli avvocati delle parti civili e anche il sindaco Romano Carancini per il comune di Macerata che intende costituirsi. Ci sono poi alcuni dei feriti, c’è Muhammad Tourè , il ferito più grave. C’è l’amico che stava con lui e Makam Diabj che è scampato ai colpi esplosi da Traini.
Alle 9,30 Traini entra in aula. Camicia bordeaux, entra e si siede. Silenzio in aula. Poi il legale di Traini dice ai giudici che intende fare il processo con rito abbreviato. È poi il turno delle parti civili, sono 15 quelle che si sono costituite: i 6 feriti e uno degli scampati, il Pd locale e nazionale, il Terminal, una donna a cui hanno danneggiato l’auto, Massimo Cervigni del Babau di Sforzacosta, il Comune di Macerata, l’Acsim. Respinte le richieste di Acsim e Pd nazionale, accettata quella del Pd locale. Dunque con questi rigetti le parti civili ammesse sono 13.

(foto di Fabio Falcioni e Federico De Marco)

Muhammad Tourè mostra la ferita

L’avvocato del Pd Nicola Perfetti

Il questore Antonio Pignataro

Muhammad Tourè con l’avvocato Gianfranco Borgani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X