facebook twitter rss

Auto travolge bici,
muore sacerdote

MONTELUPONE - Don Francesco Cocilova, 79 anni, è morto sul colpo. Il tragico incidente è avvenuto sulla provinciale in contrada Santa Caterina. Originario di Cingoli, da diversi anni operava nella parrocchia del Sacro Cuore a Macerata. Era molto conosciuto a Tolentino dove aveva costruito la chiesa dello Spirito Santo
lunedì 7 maggio 2018 - Ore 10:44 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

La bicicletta dell’uomo

 

Don Francesco Cocilova (foto Carlo Torresi)

 

Tragico incidente a Montelupone, muore don Francesco Cocilova, 79 anni. Il sacerdote, originario di Cingoli ma che dal 2010 operava nella parrocchia del Sacro Cuore a Macerata, è stato travolto questa mattina intorno alle 9 da un’auto, una Fiat Panda, mentre si trovava in sella alla sua bicicletta in contrada Santa Caterina, sulla provinciale 101. Pedalava in direzione Montelupone quando è stato investito dal veicolo, condotto un uomo di 67 anni di Morrovalle, che viaggiava nella sua stessa direzione. L’auto ha colpito la ruota posteriore della bicicletta, il sacerdote è finito sul parabrezza ed è stato sbalzato in avanti. Violentissimo l’impatto con l’asfalto, don Francesco Cocilova è morto sul colpo. Inutili i soccorsi, gli operatori del 118 intervenuti sul posto non hanno potuto far altro che accertare il decesso. Sul posto, per i rilievi del caso, gli agenti della polizia locale di Recanati e Montelupone. E’ arrivato immediatamente sul luogo dell’accaduto anche il vescovo Nazzareno Marconi. Don Francesco, che era solito muoversi con la bici, era molto conosciuto anche a Tolentino: ha guidato per anni la parrocchia dello Spirito Santo, di cui ha costruito la chiesa, l’oratorio e il teatro.

(Ma. Cen.)

(Servizio aggiornato alle 13,30)

L’auto ha investito il ciclista

 

Sul luogo dell’incidente il vescovo Marconi

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X