facebook twitter rss

Oseghale nega l’omicidio:
«Non ho ucciso Pamela»

ORRORE A MACERATA - Il nigeriano è stato interrogato questa mattina dopo la misura cautelare che gli è stata notificata ieri. Il legale: «Manca il movente»
venerdì 4 maggio 2018 - Ore 13:48 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Innocent Oseghale

 

«Non ho ucciso Pamela e non l’ho fatta a pezzi». Innocent Oseghale al giudice ha ribadito nel corso dell’interrogatorio di garanzia, che si è svolto nel carcere di Ascoli questa mattina, di non essere lui ad aver assassinato la ragazza. Non si è parlato invece della violenza sessuale, che la procura ritiene sia alla base dell’omicidio ma per la quale il giudice non ha applicato la misura cautelare ritenendo non vi siano i gravi indizi di colpevolezza. La nuova misura cautelare riguarda invece l’omicidio della 18enne. E su questo Oseghale, assistito dagli avvocati Simone Matraxia e Umberto Gramenzi, ha risposto. Il nigeriano 29enne ha detto che in casa erano entrati lui, Desmond Lucky e Pamela quel 30 di gennaio, giorno in cui la ragazza è stata uccisa. Poi ha detto che «si è iniettata una dose e si è sentita male, è caduta a terra e ha battuto la testa».

L’avvocato Simone Matraxia

Ha riferito poi che lui e Desmond Lucky hanno messo la ragazza sul letto e che lui poi è uscito perché doveva fare delle consegne di droga. Ha riferito del suo percorso, di essere andato in corso Cavour e di aver fatto un altro giro di consegne prima di tornare a casa. Quando è rientrato nell’appartamento di via Spalato 124, all’ultimo piano, la ragazza era già stata uccisa e messa dentro i trolley. Una versione che il nigeriano aveva già dato in precedenza. Nessuna parola sul fatto di aver avuto un rapporto sessuale con lei, come dimostrano, ha spiegato ieri il procuratore Giovanni Giorgio, gli accertamenti svolti dal Ris di Roma. Ha negato invece quanto detto dal terzo indagato, Lucky Awelima, in una intercettazione. Awelima aveva detto che Oseghale l’aveva chiamato perché a casa sua c’era una ragazza bianca che dormiva e se voleva raggiungerlo per stuprarla. Lui si era rifiutato. Oseghale su questo ha negato di aver offerto a Awelima di avere un rapporto con la ragazza. «Per quanto riguarda la violenza sessuale riteniamo l’ipotesi accusatoria sia destituita di ogni fondamento e viene a mancare il movente dell’omicidio» dice l’avvocato Matraxia.

(Gian. Gin.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X