facebook twitter rss

«La nostra casetta a 50 metri dall’epicentro,
sembrava una bomba»

MUCCIA - Fabrizio Capitani è uno dei residenti del villaggio Sae Costafiore: «I pensili del bagno sono venuti giù di netto, se ci fosse stato un bambino sotto?»
martedì 10 aprile 2018 - Ore 10:40 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

I pensili del bagno caduti

 

 

«Sembrava una bomba»: ha ancora il cuore gonfio di paura Fabrizio Capitani,  residente del villaggio Sae Costafiore di Muccia, inaugurato il 26 ottobre 2017. La sua e le altre 6 casette del villaggio sono  a non più di qualche decina di metri dall’epicentro.  Oltre alla paura i danni: «Sono venuti giù i pensili, se ci fosse stato un bambino sotto l’avrebbero ucciso». Capitani ripensa ai momenti del sisma: «Ho sentito un forte rumore, come se stesse per scoppiare qualcosa poi ha iniziato a tremare tutto e poi una botta forte. Solo dopo ho capito che erano i pensili del bagno caduti di netto. Poi sono proseguite decine di scosse e boati. Ma se ogni volta cade un pensile che facciamo? Su 7 casette a 2 sono caduti i pensili. Siamo rientrati a casa ma non abbiamo più dormito, abbiamo l’epicentro sotto il sedere». All’alba sono passati i tecnici del Comune di Muccia per i sopralluoghi: «Li abbiamo aggiornati, il danno per sé non è gravissimo ma quello che sta accadendo è impressionante» conclude Capitani.

(a.p.)

I fermi hanno ceduto

 

Sette casette per 22 persone, cerimonia di consegna a Muccia

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X