facebook twitter rss

Il procuratore Cafiero De Raho:
«Nelle Marche la presenza delle mafie
può essere battuta» (Video)

ANCONA - Sono state queste le parole dette dal numero uno della procura nazionale antimafia, uno dei firmatari del protocollo d'intesa sottoscritto questa mattina da tutti i rappresentati delle magistrature della regione per rendere più facile lo scambio di informazioni all'interno del distretto legate ad indagini che riguardano soggetti di provenienza mafiosa
martedì 13 marzo 2018 - Ore 16:42 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il procuratore Cafiero De Raho ad Ancona

Il procuratore nazionale antimafia Cafiero

 

“La presenza delle mafie nelle Marche può essere battuta senza grandi difficoltà, ma serve un impegno costante”. A dirlo è il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho che questa mattina ha presenziato alla firma di un protocollo d’intesa tra i rappresentati delle procure di tutta la regione e la magistratura da lui guidata per agevolare lo scambio di informazioni sul territorio al fine di rendere più efficaci le indagini che riguardano soggetti mafiosi e i loro patrimoni. Secondo Cafiero, la situazione nelle Marche è sotto controllo perché “c’è una grande capacità di contrasto alle mafie grazie alla chiara percezione di particolari fenomeni da parte delle forze dell’ordine e delle procure”. Più in generale, “bisogna alzare la barriera per contrastare il denaro facile. Se non comprendiamo che quel denaro rende gli imprenditori schiavi finiremo in una baratro. Dobbiamo contrastare le mafie e non abbandonare i nostri diritti e la nostra libertà”. Passa dal riciclaggio di denaro sporco la fortuna delle organizzazioni criminali.

I procuratori della regione con il procuratore nazionale antimafia Cafiero

“Pensiamo – ha detto il procuratore – ai soldi dei proventi dello spaccio di cocaina che vengono reinvestiti nell’economia. Un’economia apparentemente legale ma che è in realtà sostenuta dal denaro delle mafie che spesso riescono ad entrare nel mondo dell’imprenditoria attraverso una costituzione di società in difficoltà. In passato, gli uomini della mafia estorcevano denaro, compravano imprese, ora il meccanismo è cambiato: ci sono interfacce pulite, professionisti, mediatori che trattano e acquistano a nome delle mafie”. Il protocollo d’intesa firmato servirà a contrastare e prevenire l’attività di tali infiltrazioni nel mondo dell’economia. “Sarò fondamentale – ha concluso Cafiero -perché  riusciremo ad avere un’informazione circolare che toccherà tutti i soggetti del protocollo per esercitare un’azione di prevenzione”. Il procuratore generale delle Marche Sergio Sottani: “Con questo documento si innalzano i livelli di repressione e prevenzione, gettando una grande attenzione verso i capitali che devono essere frutto del lavoro e dell’imprenditoria, non del crimine”.

Marche crocevia dei signori dell’eroina «Mafia nigeriana? Non è rituale Ai vertici ci sono laureati»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X