facebook twitter rss

Incastrato da una ferita alla gamba:
denunciato ladro seriale

PORTO RECANATI - Nei guai un tunisino di 26 anni, clandestino: deve rispondere di diversi furti a bar e attività commerciali. I carabinieri lo hanno scovato all'Hotel House, nell'appartamento trovata anche la refurtiva
mercoledì 14 febbraio 2018 - Ore 14:02 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri all’Hotel House

 

Identificato e denunciato l’autore dei furti alle attività commerciali di Porto Recanati. Sei colpi messi a segno nel mese di febbraio, ad incastrarlo una ferita ad una gamba che il ladro si è procurato nel corso dell’ultimo furto. Si tratta di un tunisino, clandestino, di 26 anni: dovrà rispondere di furto aggravato. A casa sono stati trovati oggetti legati ai colpi nei locali. È grazie all’intuito che gli uomini dell’Arma, impegnati ieri pomeriggio i militari in un servizio all’Hotel House, sono riusciti a collegare quella ferita con i fatti avvenuti nella notte tra lunedì e martedì. Il clandestino infatti ad inizio settimana aveva tentato un colpo alla parrucchieria Valentina hair style di piazza Buenos Aires . Era riuscito ad entrare scassinando la finestra, ma era rimasto ferito ad una gamba tanto che la titolare la mattina ha trovato il negozio sottosopra e numerose macchie di sangue a terra e sul muro. Una lesione piuttosto profonda tanto che l’uomo si è fatto curare al pronto soccorso chiamando l’ambulanza e poi una volta medicato è stato dimesso. Ieri pomeriggio però proprio mentre si trovava nei pressi dell’hotel House è caduto dalla bicicletta e l’incidente gli ha riaperto la ferita. Alla vista della lesione i militari hanno collegato e ipotizzato che fosse proprio lui l’autore del furto alla parrucchieria. Il 26enne è stato controllato, identificato e i militari hanno perquisito anche l’abitazione nella quale attualmente soggiornava all’interno dell’Hotel House che però risultava abbandonata tanto che sono in corso sopralluoghi per capire se ci fosse anche da parte del tunisino l’occupazione abusiva dell’edificio. All’interno dell’appartamento i carabinieri hanno ritrovato diversi oggetti, refurtiva dei colpi messi a segno nel mese di febbraio ai danni di bar, di uno stabilimento balneare e di una pizzeria e alcune persone che avevano subito dei furti lo avrebbero riconosciuto proprio come l’autore dei colpi. Il tunisino, senza fissa dimora, era noto nell’ambiente civitanovese, ma da un mese circa si era trasferito a Porto Recanati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page

Pubblicità elettorale




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X