facebook twitter rss

Leu presenta la lista:
«Riprendiamo le piazze reali
contro chi semina odio»

ELEZIONI - Il capolista al Senato Giuseppe Buondonno: «Felice per la manifestazione di sabato». Il coordinatore Massimo Montesi: «Il nostro è il voto utile»
lunedì 12 febbraio 2018 - Ore 20:04 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email


di Gabriele Censi

(foto Fabio Falcioni)

La ricostruzione con il rischio di infiltrazioni malavitose, il lavoro precario, le disuguaglianze sono i temi della campagna di Liberi e Uguali che oggi ha presentato i suoi candidati nella sede elettorale di Macerata. Il tema dei “fatti di Macerata” non può però restare fuori e Leu sta con chi sabato ha manifestato contro il fascismo e il razzismo:  «Solidarietà alla famiglia di Pamela, si tratta di un omicidio, ancora una volta una donna, una donna fragile. Come i diritti non hanno etnia e colore anche i delinquenti non hanno etnia e colore. E chi uccide deve essere punito secondo la legge. Quello che è accaduto dopo è un’escalation fascista, razzista e xenofoba. Sono veramente felice della manifestazione di sabato, pacifica perchè c’erano tanti lavoratori scesi in strada, una grande forza antifascista e non violenta. E’ bene che, in modo civile e democratico, le persone si riprendano le piazze e le strade. Troppi inviti all’odio sui social devono essere respinti . Sono insegnante e ricordo le parole di Benedetto Croce: “Le parole sono pietre”» .

Giuseppe Buondonno

Cita direttamente Salvini il capolista al Senato Giuseppe Buondonno, fermano, già segretario regionale di Sinistra Unita: «Ha detto che la sinistra aveva le mani sporche di sangue, prima di parlare della sinistra deve detergersi la bocca. Questo paese deve rimettere al centro il valori della solidarietà e dell’umanità, serve una condanna di queste forze politiche che seminano odio»

Marco Vallesi

«La nostra lista non ha paracadutati siamo tutti marchigiani, – continua – nel nostro nome indichiamo i problemi dell’Italia, un Paese ingiusto nella redistribuzione del reddito e nell’accesso al lavoro, il jobs act ha creato precariato. La sinistra ricostruita, in mezzo alla gente, deve ribaltare questa situazione. Dobbiamo usare la leva fiscale per una progressività vera. Pagare tutti per pagare meno». 

Massimo Montesi

«Il nostro primo impegno sarà portare la voce del territorio colpito dal sisma in Parlamento” ha detto Massimo Montesi del coordinamento regionale nel presentare anche gli altri candidati. E’ insegnante anche Argentina Severini, osimana, candidata alla Camera nel collegio Macerata-Osimo: «L’istruzione è fondamentale, a Macerata ho studiato e da qui da questo luogo simbolo dobbiamo ripartire. Qui c’è un condensato dei temi del nostro programma: lavoro, ambiente e istruzione. La crisi della piccola e media impresa che può ripartire mettendo il lavoratore al centro. Abbiamo poi bisogno di un “green new deal” per il territorio. La campagna elettorale è breve e ci mette in affanno, perché avvantaggia chi parla in tv. Noi stiamo in piazza e combattiamo la subcultura dei social. Ci sono ragazzi di 13 anni che rispondono al problema dell’immigrazione con frasi come “basta sparagli contro”»

Argentina Severini

Marco Vallesi, guida alpina di Lapedona è candidato “della società civile”, alla Camera nel collegio di Civitanova: «Serve la competenza in politica per concretizzare gli obiettivi, scienza e arte per colmare  ritardi di anni ad esempio su un settore come quello di cui mi occupo, l’ambiente. Bisogna investire su giovani e sulla microimpresa che ci caratterizza”.

 

Bruno Pettinari

Bruno Pettinari, di Camerino, candidato al Senato collegio 2 Macerata-Ancona, è avvocato, noto negli ultimi mesi come legale di nonna Peppina, fondatore di Officina 2630, un laboratorio di idee con richiamo alle date del 26 e 30 ottobre 2016. «Unico interlocutore ricettivo delle nostre proposte in parlamento è stata Lara Ricciatti, (deputata uscente anche lei candidata con Leu). Il problema delle casette era chiaro già nel mese successivo alle scosse. Abbiamo perso la memoria del sisma del ’97 lasciando da parte tante buone pratiche. E’ grave quello che ha denunciato la Cgil sul caporalato nei cantieri, quello che è apparso sulla stampa e molto poco rispetto al reale fenomeno, ma la politica non lo recepisce». «Il voto utile è per noi – conclude Montesi ,- il Pd negli ultimi anni ha perso. Noi possiamo recuperare il consenso dagli astensionisti e dal M5stelle»

 

La lista completa nelle Marche:

Collegi uninominali Camera

• Ascoli Piceno Pier Paolo Flammini
• Civitanova Marco Vallesi
• Macerata Argentina Severini
• Ancona Piergiovanni Alleva
• Fano Beatrice Brignone
• Pesaro Daniela Ciaroni

Collegi uninominali Senato

• Pesaro Maurizio Franca
• Ancona Bruno Pettinari
• Ascoli Flavia Mandrelli

Collegi plurinominali Camera

• Lara Ricciatti
• Alessandro Salvi
• Daniela Minetti
• Nello Tizzoni

• Beatrice Brignone
• Paride Dobloni
• Daniela Ciaroni
• Luca Bonventi

Collegio plurinominale Senato

• Giuseppe Buondonno
• Donatella Zerbini
• Nicola Vannoni
• Concetta Contini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page

Pubblicità elettorale




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X