facebook twitter rss

«Traini, personalità disturbata:
chiederò incapacità intendere e volere»

FOLLIA RAZZISTA A MACERATA – Il legale del 29enne accusato di strage dopo aver ferito sei persone ieri mattina: «Ha un vissuto sul quale occorre il lavoro di un professionista». L’uomo ha agito in seguito al delitto di Pamela e si trova nello stesso carcere di Innocent Oseghale, accusato di aver ucciso la ragazza
domenica 4 febbraio 2018 - Ore 15:36 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Traini al Monumento ai caduti di Macerata poco prima dell’arresto

 

Follia razzista a Macerata, l’avvocato di Luca Traini: «Personalità disturbata. La linea difensiva sarà di sicuro quella della incapacità di intendere e volere al momento del fatto». L’avvocato Giancarlo Giulianelli ieri si trovava a Bologna e dalla città emiliana ha appreso quanto stava accadendo a Macerata dove Traini ha sparato a sei persone straniere, tutte africane. Dopo che il 29enne è stato arrestato il legale è stato nominato per assisterlo. «Più che parlare del gesto mi interessava parlare con lui. Dal colloquio che ho avuto con Traini mi sono reso conto che è una persona che deve avere un vissuto sul quale c’è da lavorare da parte di un professionista. Viene fuori una personalità disturbata. Di sicuro la linea difensiva sarà quella dell’incapacità di intendere e volere al momento del fatto» dice Giulianelli. Originario di Macerata, ora residente a Tolentino, i genitori separati, nella casa di Traini sono stati trovati testi come il Mein Kampf e la storia della Repubblica sociale italiana. L’uomo è accusato di strage aggravata dalla finalità razziale, di porto abusivo di arma e di altri reati.

L’avvocato Giancarlo Giulianelli

«Al momento non conosco cosa viene contestato al mio assistito» ha detto il legale, che attende inoltre di sapere quando si svolgerà l’udienza di convalida dell’arresto del 29enne. Traini agli inquirenti avrebbe detto di aver agito in seguito al delitto di Pamela Mastropietro, la ragazza di 18 anni, originaria di Roma che si era allontanata dalla comunità Pars di Corridonia e il cui corpo è stato trovato senza vita nelle campagne di Pollenza. A ucciderla, secondo le indagini della procura di Macerata sarebbe stato il nigeriano Innocent Oseghale ora in cella a Montacuto di Ancona. Lo stesso carcere in cui da ieri sera si trova anche Traini.

(Gian. Gin.)

L’uscita dalla caserma di Traini

L’auto di Traini

Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page

Pubblicità elettorale




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X