facebook twitter rss

Assemblea Rata, 300 cuori biancorossi
Nacciarriti assicura: «Trattativa avviata,
imprenditori pronti per la serie D»

SOGNO RIPARTENZA - Il commercialista jesino ha svelato parte del suo piano: «Bisogna subito gettare le basi di questo percorso che dovrà essere completato a giugno con il cambio di denominazione della società». Il sindaco Carancini: «Totale e incondizionata apertura dell’amministrazione a chiunque si presenti con fatti concreti». La tifoseria accoglie con entusiasmo e spera che questo percorso non si trasformi nell’ennesima illusione che è stata coltivata per tutto lo scorso anno. LE FOTO
venerdì 12 gennaio 2018 - Ore 10:17 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Il dibattito moderato dal giornalista Benedetto Verdenelli

 

Il sindaco Romano Carancini

 

di Mauro Giustozzi

(foto di Fabio Falcioni)

Il ritorno sulla scena di Marco Nacciarriti, la possibilità di far rinascere la Maceratese a giugno da un campionato nazionale come la serie D, la disponibilità del sindaco Carancini a vagliare questo progetto e il grande amore della tifoseria biancorossa per la squadra che non c’è testimoniato dai circa 300 tifosi che hanno reso fin troppo piccola la sala dell’associazione Idea 88 dove era stata organizzata la serata. Un’assemblea che ha riacceso la speranza di vedere nella prossima stagione la Rata tornare a giocare allo stadio Helvia Recina. Ma anche la ferma presa di posizione della tifoseria presente, nei confronti sia di Nacciarriti che degli amministratori pubblici, che questo percorso da iniziare non si trasformi nell’ennesima illusione che è stata coltivata per tutto lo scorso anno. Un’assemblea partecipata anche da ex giocatori biancorossi come Prenna, Sentimenti e Ciappelloni che da politici di vari schieramenti: oltre al sindaco erano presenti i consiglieri Andrea Marchiori, Riccardo Sacchi, Paolo Renna, David Miliozzi e Roberto Cherubini: quest’ultimo, però, polemicamente ha preferito non partecipare direttamente al dibattito per non salire sul “piedistallo a far propaganda”.

Marco Nacciarriti

Incontro condotto con polso fermo dal giornalista Benedetto Verdenelli. Ad infiammare la platea dei tifosi sono state le parole di Nacciarriti che ha svelato parte del piano del rilancio del calcio biancorosso. “Ho avuto l’incarico da parte di alcuni imprenditori maceratesi –ha detto- di intavolare una trattativa per riportare il calcio di serie D a Macerata. Si tratta di persone serie, che da oltre 20 anni sono nel calcio, vantano indiscussa solidità nelle proprie aziende e sono disposti a venire qui per fare calcio. Cambiando già dal prossimo anno colori sociali e denominazione dell’attuale società in quella che voi tifosi della Rata vorrete indicare. La presenza di una società che tuttora c’è, cioè la Maceratese, nulla osta a questa operazione. Ma bisogna da subito gettare le basi di questo percorso che dovrà essere completato poi a giugno con il cambio di denominazione della società. Per questo ho contattato il sindaco Carancini chiedendo che nel più breve tempo possibile si firmi un protocollo d’intesa su cui poi sviluppare il progetto”.

Ovviamente Nacciarriti non ha indicato ne il nome della società che sarebbe disposta a far ripartire il calcio in città che dei suoi dirigenti. Ma è evidente che, andando per esclusione, si tratti della Sangiustese. Perché è una società confinante col Comune di Macerata e quindi sarebbe possibile da subito il trasferimento dell’attività nel prossimo campionato. E perché per sviluppare la sua attività, soprattutto giovanile, ha necessità di avere quei campi che non trova attualmente nella città della calzatura. Le altre due società confinanti con Macerata sono Matelica, ma in questo caso il club sta lottando per salire in serie C e quindi sarebbe nel caso interessato solo a giocare le sue partite all’Helvia Recina, stadio a norma per la Lega Pro, e la Recanatese che non ha però alcuna intenzione di spostare la sua attività altrove.

L’intervento di Glauco Giglioni, uno degli organizzatori della serata

“Totale e incondizionata apertura dell’amministrazione a chiunque si presenti con fatti concreti e non chiacchiere –ha ribadito il sindaco Carancini-. Per far rinascere una Maceratese servono passione, risorse, vicinanza alla città e volontà. Direi soprattutto risorse ed un progetto serio, duraturo negli anni e che non ci ponga in una situazione analoga a questa nel volgere di una sola stagione sportiva. La passione è testimoniata dalla presenza così folta e forse inattesa di tanti tifosi biancorossi. Da parte mia ho dato disponibilità a Nacciarriti di valutare a tavolino questo progetto che dovrà passare attraverso due step. Il primo a livello giuridico di verifica della possibilità che sin dalla prossima stagione un club attualmente in serie D possa trasferirsi a Macerata cambiando denominazione. Siamo in contatto con la Figc ed entro metà febbraio, non appena ci sarà più chiarezza dopo l’elezione del nuovo presidente federale, avremo un contatto a Roma. Il secondo sarà quello di incontrare direttamente le persone che sono interessate a rilanciare il calcio a Macerata, ascoltare il progetto e le risorse che sono disponibili ad investire, senza alcun condizionamento tra le parti. Al momento quello prospettatami due giorni fa da Nacciarriti è l’unico interesse concreto attorno al futuro della Rata. Se ci sarà qualcosa d’altro lo valuteremo”.

Riccardo Sacchi, consigliere comunale di Forza Italia

I consiglieri presenti hanno ribadito il massimo appoggio del Consiglio comunale ad una soluzione che consenta la ripartenza di una società erede della Maceratese, pungolando il sindaco sulla questione degli impianti di Collevario ancora non rientrati in possesso del Comune. “Intraprendere la strada legale per riavere i campi di Collevario –ha detto Riccardo Sacchi- potrebbe portare ad allungare i tempi. Creando un ulteriore danno alla città ed a chi vuole investire nel calcio a Macerata. Quello che consiglio è di mettere da parte ripicche, ragioni o torti: sedersi attorno ad un tavolo ed arrivare ad un accordo transattivo che chiuda la vicenda”. Su questo tema la replica del primo cittadino è stata però secca. “Gli impianti di Collevario sono vincolati ad una concessione in essere con la Maceratese –ha detto Carancini- e quindi non attualmente nella disponibilità dell’amministrazione. Speriamo a breve di sbloccare la situazione. Quei campi destinati al settore giovanile principalmente sono stati finanziati con un impegno annuale del Comune di 80 mila euro per molti anni ancora. Se qualcuno vuol venire a Macerata per investire nel calcio sappia che quell’impianto sarà disponibile. Se non potrà esserlo immediatamente, in alternativa abbiamo sempre sia il nuovo campo di Villa Potenza che lo stadio della Vittoria. Quindi le soluzioni ci sono e si trovano. Io per ora non ho parlato con nessuno e non posso dare risposte alla tifoseria sulla situazione che potrà accadere. Quello che posso ribadire è la disponibilità a vagliare un progetto serio e duraturo per il calcio a Macerata”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X