facebook twitter rss

Cantieri sae, indaga l’Anticorruzione

SISMA - La Cgil aveva denunciato la situazione dei lavoratori, presunti casi di caporalato, e l'opacità dei subappalti
lunedì 8 gennaio 2018 - Ore 16:09 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Raffaele Cantone

 

Sui cantieri delle Sae, dopo la denuncia fatta dalla Cigl a dicembre, in cui il sindacato segnalava possibili casi di caporalato con operai romeni reclutati in patria, con un infortunio tenuto nascosto, e sollevava dubbi sui subappalti, ora indaga anche l’Autorità anticorruzione di Raffaele Cantone. A indagare c’è anche la procura di Macerata. Da un lato il problema che era stato sollevato dal sindacato era quello degli operai romeni che a fronte di turni di lavoro di 10 ore percepivano salari miseri oltre a non avere un contratto regolare. C’era poi il caso di un operaio che si era infortunato dopo essere scivolato sul ghiaccio, la Cgil aveva portato l’uomo in ospedale dove gli avevano dato 15 giorni di prognosi. Altro aspetto ancora sono le aziende che sono al lavoro nei cantieri per la realizzazione delle Sae (soluzioni abitative di emergenza) il cui appalto è assegnato al consorzio stabile Arcale. La Cigl aveva sollevato la questione dei subappalti.

Daniel Taddei

«Ci sono consorzi – aveva spiegato il sindacalista Daniel Taddei – che hanno ottenuto un subappalto da Arcale, composti a loro volta da cooperative che a loro volta sono composte da partite Iva, cioè da soci lavoratori. Impossibile quindi tracciarli». Inoltre nelle reti di impresa «compare solo la capofila, le altre compaiono solo nella visura camerale sotto forma di partita Iva o codici fiscali» aveva spiegato Taddei. La Cigl aveva esaminato le visure e visto il rischio che a fare i lavori vi fossero imprese che non facevano parte della White list e il rischio di infiltrazioni mafiose hanno deciso di segnalare la cosa alla prefettura. Sulla questione dei cantieri delle sae a dicembre c’era stato anche un incontro tra la Cigl e la procura di Macerata che avevano stabilito una collaborazione sulla vicenda. Dal canto suo il presidente di Arcale ha sempre affermato che nei cantieri sia tutto regolare e che nulla di illecito sarebbe emerso dai controlli che vi sono stati nel corso dei mesi.

La giungla delle sae: «Caporalato romeno, infortuni fantasma e subappalti come scatole cinesi»

Giungla nei cantieri sae, summit tra Cgil e procura

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X